Cagliari, Nainggolan: «In estate ho ricevuto tante offerte. Martinez? Un pazzo»

Nainggolan
© foto www.imagephotoagency.it

Cagliari, Radja Nainggolan ha rilasciato una lunga intervista in cui torna indietro a quando è stato ceduto dall’Inter

Radja Nainggolan sta vivendo un momento bellissimo nel Cagliari. L’estate è stata difficile ma ora tutto sembra andare per il meglio. Il belga ha rilasciato un’intervista al Eleven Sports, ecco le sue parole.

«Avevo offerte dalla Fiorentina o da tante altre squadre, ma il problema di mia moglie ha reso la scelta decisamente più semplice: ho scelto di andare in una squadra di cui conoscevo i metodi e nella città natale di mia moglie. Non ho insistito per andarmene dall’Inter, però amo ancora troppo il calcio per rischiare di non giocare o per finire fuori squadra. Voglio dimostrare che hanno fatto un errore. I buoni risultati sono una grande vittoria per me».

FINE CARRIERA – «Non ci penso ancora, ma ho comprato casa qui: potrei vivere ad Anversa, ma potrebbe non essere una buona opzione per il futuro dei miei figli».

LA MOGLIE CLAUDIA –  «Sta combattendo, ma la strada è ancora lunga. Dovremo aspettare la fine della chemioterapia per vedere se ci sono complicazioni. Ma per adesso sta andando tutto bene, è la cosa più importante: lei sa cosa fare ed io provo ad esserci di più per i bambini. Non è facile perché spesso siamo a casa senza di lei ed è importante che non soffrano troppo».

NAZIONALE – «Ho fatto la mia scelta e la rispetterò. Posso dire che non sono sempre stato accettato. La gente dice che forse il problema sono io visto che non ho giocato né con Wilmots, né con Martinez: ma se chiedi ad ogni giocatore, ti risponderà che non ho mai causato problemi. Probabilmente non ero il preferito dell’allenatore. Martinez? Preferisco quando un allenatore mi dice le cose in faccia, lui l’ha fatto ma dopo diverso tempo: mi disse di non potermi dare lo stesso ruolo che avevo a Roma e che non aveva intenzione di portarmi in panchina perché avrei causato problemi; una spiegazione che ha davvero poco valore. Tutte le volte che ero in panchina non ho mai causato problemi: quindi è davvero pazzo».