Connettiti con noi

Calcio Estero

De Zerbi: «Shakhtar, troppo bello per essere vero. C’è la mia stessa visione di calcio»

Pubblicato

su

De Zerbi

Roberto De Zerbi ha parlato nella conferenza stampa di presentazione da nuovo allenatore dello Shakhtar Donetsk: le parole del tecnico

Roberto De Zerbi ha parlato nella conferenza stampa di presentazione come nuovo tecnico dello Shakhtar Donetsk. Le sue parole riportate dal sito ufficiale del club ucraino.

SHAKHTAR – «Sono arrivato qui con molto entusiasmo e voglio godermi il mio lavoro. Sono arrivato al club che considero di prim’ordine. I giocatori qui sono molto forti e voglio instillare in loro la mia visione del gioco, essere un modello per loro. Le mie prime impressioni sono ottime. Mi sembra che tutto sia troppo bello per essere vero. Ho già instaurato un bellissimo rapporto con lo staff del club. I giocatori sono professionisti che prendono le proprie responsabilità molto seriamente. Solo di recente ho avuto l’opportunità di incontrarli e sono felice di quello che ho visto. Ci sono tutti i presupposti per una grande stagione».

SCORSA STAGIONE – «Non dirò una parola sulla passata stagione semplicemente perché non ero qui. Sì, so che lo Shakhtar non ha vinto nulla la scorsa stagione. Al contrario, questo è uno stimolo aggiuntivo per noi: la sete di vittorie e trofei. Vogliamo mostrare il nostro lato migliore. Penso che un allenatore intelligente non dovrebbe comportarsi allo stesso modo con tutti i giocatori e in tutte le situazioni. Se una situazione mi richiederà di essere fermo, non preoccuparti, ho un carattere abbastanza fermo, posso dimostrarlo. Avendo incontrato un gruppo di calciatori, non penso che lavorando con loro devo mostrarmi come un dittatore – non porterà frutti. Mi considero un allenatore democratico, ma non dimentichiamo che in fin dei conti sta ancora a me decidere».

LUCESCU – «Quando Lucescu lavorava al Brescia, passavo ogni fine settimana, ogni partita nel recinto dei tifosi del Brescia – quello è il posto più caldo in tribuna. Lucescu è un grande allenatore, un maestro nella sua esperienza e abilità. E per me la rivalità con un allenatore così forte sarà uno stimolo in più per dare il massimo. Cercherò di preparare al meglio la mia squadra per le partite contro la Dynamo. So quanto sono importanti».

PERCHE HO DETTO SÌ – «Devo dire subito che durante la mia permanenza al Sassuolo mi sono molto affezionato a quel club, ho avuto ottimi rapporti con tutti i giocatori. Mentre prendevo la decisione di andarmene, ho parlato molto con Sergei Palkin, Darijo Srna e Jose Boto. Per me era importante avere la stessa visione del calcio. Guardiamo il gioco allo stesso modo. E avevo la sensazione che ci conoscessimo da vent’anni. Ho ricevuto offerte da altre squadre, ma ero abbastanza sicuro della mia decisione di venire qui, a Kiev, per lavorare con lo Shakhtar. Ho fatto quello che volevo».

FONSECA – «Ho parlato con Fonseca dopo aver firmato il contratto. La sua opinione non era affatto decisiva. Ho volutamente posticipato il colloquio con lui per il periodo successivo alla firma del contratto perché non volevo insidie. Volevo evitare cose inaspettate, in modo che non mi dicesse accidentalmente qualcosa di brutto, che, forse, lui stesso non avrebbe voluto dire. Abbiamo parlato quando è stato firmato il contratto».

MARLON – «Amo molto ognuno dei giocatori del Sassuolo con cui ho avuto l’opportunità di lavorare. Marlon non fa eccezione in questo caso. E poi, in generale, è una questione di club: come decideranno e come agiranno. Ovviamente, quando si cerca un giocatore per una certa posizione, con determinate qualità, si sceglie letteralmente tra due o tre opzioni. È possibile che una di queste tre opzioni sia Marlon»