Conte: «Contro l’Atalanta ci sarà da soffrire, ma l’obiettivo è quello di far soffrire loro»

© foto www.imagephotoagency.it

Antonio Conte ha parlato ai microfoni di Inter Tv alla vigilia della sfida contro l’Atalanta: queste le parole del tecnico

Antonio Conte, tecnico dell’Inter, ha parlato ai microfoni di Inter Tv alla vigilia della sfida contro l’Atalanta. Le parole del tecnico nerazzurro.

STAGIONE – «È stata sicuramente un’annata molto impegnativa, sotto tanti punti di vista. Questa esperienza ha portato tanta fatica. Si è trattato di una situazione nuova, ci sono comunque degli aspetti positivi dei quali si potrà far tesoro in futuro».

ATALANTA – «Mi auguro che sarà una bella partita. Si giocherà a viso aperto, senza calcoli. L’Atalanta è una squadra che è diventata una realtà consolidata in Italia, visto il percorso degli ultimi anni. Inoltre sono ai quarti di Champions League. Ci sarà da soffrire, ma l’obiettivo è quello di far soffrire loro».

MIGLIOR ATTACCO COTNRO MIGLIOR DIFESA – «Io penso sempre che sia giusto avere un buon equilibrio tra fase offensiva e difensiva. L’Atalanta ha segnato tantissimi gol, segnano consecutivamente da più di 20 partite, hanno grandi meriti e giocatori di qualità. Noi siamo la miglior difesa e il secondo miglior attacco. Sarà una sfida nella sfida, dove speriamo di prevalere».

GIOCARE CON LA PRESSIONE – «È importante abituarsi a giocare con la pressione di chi magari è dietro e ti vuole superare. La partita con il Napoli è stata bellissima: l’abbiamo giocata nella giusta maniera, con attenzione e determinazione in tutte le fasi contro un’ottima squadra. Ora abbiamo di fronte l’ultima partita: penso sia giusto concludere bene la stagione, ci vogliamo misurare per vedere a che punto siamo arrivati».

SQUADRA – «Tutti si sentono coinvolti e pronti? Sono soddisfatto, ma allo stesso tempo non avevo dubbi da questo punto di vista. Io e lo staff alleniamo affinché siano tutti pronti sia dal punto di vista tattico che fisico. Da parte dei giocatori c’è stata una grande risposta, questo è un gruppo di ragazzi molto professionali».