Corvino su Insua: “Non possiamo dargli quanto prende a Liverpool”

© foto www.imagephotoagency.it

Pantaleo Corvino ha rilasciato un’intervista a quotidianodipuglia.it entrando nel merito sia di questioni legate al mercato viola che al calcio italiano in generale. Prime parole che riguardano l’arrivo di Insua, trattativa più lunga del previsto: “Con gli inglesi siamo d’accordo, bisogna trovare l’intesa con il giocatore sull’ingaggio. Non possiamo garantirgli le cifre che prende al Liverpool”. Corvino ha escluso di aver mai pensato al leccese De Canio per la panchina viola: “No, mai” ha tagliato corto il ds, per poi parlare di Mihajlovic: “Ha mentalità  vincente, cultura del lavoro ed è un grande motivatore. Perchè a noi questo serve, più di ogni altra cosa”. Parole molto critiche del ds viola nei confronti della riduzione degli extracomunitari: “Quello è razzismo, oltre che una mossa inutile, presa a caldo dopo il fallimento della spedizione in Sudafrica. Si riducono gli extracomunitari ma in teoria e in pratica una squadra potrebbe presentarsi con 18 giocatori comunitari ma non italiani. Che senso ha?”. Questo secondo Corvino il fulcro reale della questione: “Cercare la qualità , rendere il nostro campionato migliore. à? così che si cresce. Lo hanno capito da anni gli spagnoli dando agli africani lo status di comunitari. Ora la Spagna è campione d’Europa e del mondo. Noi invece ci accaniamo contro gli extracomunitari pensando di risolvere il problema”.