Connettiti con noi

Serie A

Emergenza Coronavirus, Pillon: «Il calcio rischia di essere stravolto»

Redazione CalcioNews24

Pubblicato

su

L’ex tecnico del Cosenza, Bepi Pillon, ha parlato sulle pagine della Gazzetta dello Sport dell’emergenza Coronavirus

Bepi Pillon, ex tecnico di Cosenza e Pescara, ha parlato sulle pagine della Gazzetta dello Sport dell’emergenza Coronavirus. Queste le sue parole.

COSENZA – «Addio? Non mi sono pentito, ho messo in primo piano la salute e la responsabilità verso la mia famiglia, non era una decisione facile perché il calcio è la mia vita, ma è stato giusto. Quando siamo andati a Verona per giocare con il Chievo la squadra era spaventata, due giocatori non erano partiti e qualcuno non voleva neanche giocare. Ma l’AIC aveva spiegato che se non fossimo scesi in campo avremmo persi a tavolino. Lì ho capito che non potevo restare bloccato a mille chilometri dalla mia famiglia e poi se fai l’allenatore, devi restare concentrato, avere la testa solo sulla squadra, sapevo che non avrei potuto svolgere al meglio il mio lavoro».

RIPARTENZA – «Il calcio può ripartire? Spero di sì, ma ho qualche dubbio perché bisognerà imparare a convivere con questo virus e il calcio è uno sport di contatto che verrebbe stravolto. Non vorrei essere al posto di chi deve decidere».

Advertisement