Gabigol, l’agente insiste: «Umiliato dall’Inter per 3 volte. Sul futuro…»

gabigol inter
© foto www.imagephotoagency.it

Wagner Ribeiro, procuratore di Gabigol, ha parlato ancora una volta ai microfoni della situazione del suo assistito all’Inter

FUTURO GABIGOL: LE NUOVE DICHIARAZIONI DELL’AGENTE, 27 DICEMBRE – L’agente di Gabigol, Wagner Ribeiro, ha rilasciato nuove dichiarazioni sul futuro del suo assistito. Il procuratore ha lanciato nuovamente una frecciata al club nerazzurro ma ha aperto le porte a una permanenza interista. Così Ribeiro a “GazzetaEsportiva“: «Gabigol si è sentito umiliato per tre volte: dal punto di vista fisico, morale e psicologico! Noi vorremmo che giocasse di più visto che hanno speso 30 milioni di euro per prenderlo ma naturalmente sul contratto non c’è scritto che deve essere un titolare a tutti i costi. Futuro? La soluzione migliore sarebbe restare all’Inter ma se non gioca vedremo cosa fare».

FUTURO GABIGOL: LE ULTIME DAL BRASILE, 26 DICEMBRE – Gabriel Barbosa non è esploso all’Inter, a gennaio la società neroazzurra sta cercando una squadra che gli permetta di giocare con continuità. Il presidente del Santos, Modesto Roma, è ritornato ancora sull’argomento: «Siamo sempre in contatto con Gabriel, il ragazzo è consapevole di avere una grande responsabilità. Se dipendesse esclusivamente da lui, si starebbe già allenando col Santos. Ma, come detto, è un ragazzo responsabile e sta rispettando il contratto firmato con l’Inter».

FUTURO GABIGOL: IPOTESI RITORNO AL SANTOS – La suggestiva ipotesi di un ritorno a casa del giovane attaccante trova sempre maggiori conferme nell’ambiente. Basti pensare a quanto dichiarato da Modesto Roma, presidente del Santos, ad UOL Esporte: «E’ importante sapere, come prima cosa, se l’Inter vuole lasciare che Gabriel torni da noi. Credo che preferisca noi piuttosto che il Las Palmas: comunque le nostre porte sono sempre aperte per lui».

L’agente di Gabriel “Gabigol” Barbosa, Wagner Ribeiro, è tornato ancora una volta a parlare del futuro del suo assistito. Il procuratore, dopo le parole degli ultimi giorni, ha parlato ai microfoni di SporTv, aprendo alla permanenza in nerazzurro del brasiliano: «Il nostro piano è quello di restare all’Inter e di vederlo giocare titolare. Se dovesse tornare in Brasile nascerebbe anche un problema burocratico. Gabriel, infatti, occupa uno slot da extracomunitario nella rosa nerazzurra e se torna in Brasile, lo perde. Se, invece, dovesse andare in prestito in una società italiana, allora lo manterrebbe. Credo che tutti  vogliamo che giochi, parleremo con la sua famiglia che non è felice di questa situazione».
LA SCELTA – «Gabriel ha scelto molto bene la squadra. E’ arrivato qui da olimpionico, titolare assoluto del Santos e convocato dalla nazionale verdeoro. Quando è arrivato all’Inter non conosceva le abitudini del club per quanto riguarda gli allenamenti. Ha giocato solo 16 minuti e poi non è più entrato in campo. Ci siamo rimasti un po’ male, ne ho parlato sia con il direttore sportivo che con il presidente. Siamo un po’ frustrati. Gabriel è molto giovane ed ha un potenziale enorme. Vuole una chance per dimostrare quanto vale. A gennaio tornerò a Milano e sono certo che risolveremo la situazione nel migliore dei modi».