Glik cuore Toro: «Vogliamo sorprendere la Juventus»

© foto www.imagephotoagency.it

Il derby della Mole in semifinale di Champions League: non sarà Torino contro Juventus ma Kamil Glik del Monaco mostrerà un bel pezzo di cuore granata contro i bianconeri

Kamil Glik è in corsa per la vittoria della Ligue One, è in semifinale di coppa di lega e anche di Champions League, la stagione del Monaco potrebbe chiudersi alla grandissima. Le vittorie, una dopo l’altra, hanno aiutato i biancorossi a scalare la classifica e andare avanti nelle coppe, questo afferma il polacco: l’obiettivo a inizio stagione era vincere il campionato dopo diciassette anni di digiuno ma le cose si sono messe meglio, a quanto pare. La semifinale di Champions League con la Juventus è per il polacco un’opportunità: «Non sarà facile ma non abbiamo pressioni. Secondo me tutti speravano di trovare il Monaco in ogni sorteggio, ma guardate dove siamo arrivati. Credo al Monaco in finale, proveremo a fare un’altra sorpresa». La Juventus però è esperta e la difesa monegasca incassa parecchi gol, Glik però guarda avanti e pensa che la fase difensiva sia molto migliorata. A livello personale ha segnato molto e sogna di finire la prima stagione con lo scudetto. La Juventus, prosegue il polacco, ha una grande difesa ma non è solo la retroguardia a far bene, bensì tutta la squadra. «Per ora non si parla ancora di Juventus, abbiamo altre partite importanti davanti. Dybala e Higuain sono importantissimi e cercheremo di arginarli. Io allo Stadium non ho mai vinto ma alcuni episodi mi hanno fermato. Verremo a vincere per qualificarsi ma è presto pensare al ritorno» dice l’ex capitano del Torino. Per lui la semifinale sarà una sorta di derby della Mole, come riporta a Tuttosport, ha vissuto cinque anni in granata ed è una partita speciale. Glik infine afferma: «Un pezzo del mio cuore è ancora al Torino. Dopo il sorteggio mi hanno scritto tantissimi ex compagni. La foto con Giaccherini? Le polemiche mi fanno ridere, non volevo caricare nulla ma ricordarmi quella sfida».