Inter, senti Capello: «Modric è tra i più forti del mondo, il Real non cederà facilmente»

capello
© foto www.imagephotoagency.it

Intervista esclusiva della Gazzetta dello Sport a Fabio Capello, il quale fa il punto su mercato e Serie A ad una settimana dal via

A settembre commenterà la Champions League 2019/2020 con la nuova squadra di Sky, invece ora si gode il sole il relax dalla sua casa a Marbella in Spagna. Fabio Capello, intervistato dalla Gazzetta dello Sport, ha fatto il punto del mercato condotto dalle italiane a una settimana dalla conclusione. Trovandosi in Spagna, l’ex allenatore di Juve e Milan ha detto la sua su uno degli affari più caldi dell’estate, quello che potrebbe portare Luka Modric in nerazzurro: «Modric non credo lo prenderanno. Il Real non può permettersi di lasciarlo andare dopo la partenza di Cristiano Ronaldo. Modric attualmente è uno dei giocatori più importanti al mondo. Insieme a Kantè è stato il giocatore che ha interpretato meglio il ruolo di centrocampista al Mondiale. Quando affrontai la Croazia con la mia Inghilterra, giocava da esterno sinistro. Al Tottenham incominciò a spostarsi al centro e al Real è diventato un regista dinamico e con fantasia. Un’evoluzione pazzesca ed esemplare». 

Capello, che conosce molto bene l’ambiente madridista, prova a spiegare i motivi che hanno portato Zidane ad abbandonare la nave dopo tre Champions di fila: «Zizou aveva capito che se non avesse conquistato la quarta Champions sarebbe stato licenziato. Sapeva che questa volta la sfida sarebbe stata ancora più difficile, come sempre al Real quello che conta è il club». Da Madrid oltre che all’allenatore è scappato anche la stella più luminosa del firmamento blancos, Ronaldo, approdato alla Juve: «Finalmente si tornerà a parlare del campionato italiano nel mondo. Negli anni Ottanta e Novanta ripresentammo il top. Poi ci siamo persi e Inghilterra, Germania e Spagna ci hanno superato. Con Ronaldo possiamo rialzare la testa, certo che lui da solo non basta». Capello commenta così l’ascesa del fondo Elliot al Milan: «Finalmente una svolta seria con persone competenti e giocatori che possono trasmettere valori importanti. Il nuovo Milan è in mano a gente capace e l’arrivo di Higuain è un segnale importante. Se un campione del suo calibro ha lasciato la Juve per i rossoneri vuol dire che crede nel progetto».

Un’altra novità nella stagione 2019/2020 sarà rappresentata dalle seconde squadre. Ma solo la Juve è riuscita ad iscrivere la propria: «Ecco questa è stata una sorpresa non positiva. Si è pensato di più ai costi immediati e non all’investimento sul futuro. Mi pare una splendida opportunità non colta. La Juve ha nuovamente ribadito di essere un passo avanti a tutti. Altra mentalità, altra cultura». Infine Capello chiude con un pronostico sulla Premier League che oggi partirà ufficialmente: «Il Manchester City è una corazzata e favorita d’obbligo. Come antagonista vedo il Liverpool che ha speso tanto ma bene. Anche il Manchester United sarà tosto da affrontare mentre voglio dare tempo al Chelsea di Sarri, ho visto buone cose contro il City ma finché non avrà la squadra al completo non si possono esprimere giudizi».