Juventus, titolo in crollo a Piazza Affari: chiusura a -8,52%

© foto www.imagephotoagency.it

Il titolo della Juventus, dopo i rialzi dei giorni scorsi, ha chiuso la sessione odierna di trattative a Piazza Affari con un pesante calo.

È un andamento fortemente altalenante quello tenuto in Borsa dal titolo della Juventus nell’ultimo periodo. Se nei giorni scorsi infatti si erano registrati dei rialzi delle azioni del club bianconero, oggi invece le stesse hanno perso gradualmente forza a Piazza Affari nel corso della giornata, fino alla chiusura in forte perdita con un -8,52%. Nonostante un buon esordio a 1,19 euro, valore superiore ai massimi raggiunti nella giornata di martedì, le azioni dei Campioni d’Italia hanno concluso la giornata a 1,052 euro. Questo valore è il più basso in assoluto fatto registrare ad ottobre, mese che per il resto si era stato caratterizzato da una crescita piuttosto costante del titolo. Sulla valutazione delle azioni del club bianconero hanno inciso sicuramente le vicende legate al caso Cristiano Ronaldo, accusato di presunto stupro da una donna americana, Kathryn Mayorga, per fatti risalenti al 2009. Il campione portoghese ha sempre respinto ogni accusa nei suoi confronti, parlando di «fake news» e di «persone che vogliono farsi pubblicità usando il suo nome».

Secondo quanto scritto stamane dal “Correio de Manha“, giornale che segue da vicino il caso, la vicenda giudiziaria fra l’attaccante e la donna rischia tuttavia di protrarsi per molti mesi, con le gravi conseguenze che questo comporterebbe per il titolo bianconero in Borsa. La palla dovrà passare al Pubblico Ministero, che dopo aver esaminato tutti gli elementi, deciderà se procedere o meno nei confronti dell’attaccante della Juventus. Intanto Ronaldo, che ha incaricato il suo staff legale guidato da Peter Christiansen di occuparsi del caso e curare i suoi interessi, preferisce concentrarsi sul campo: nel mirino del fuoriclasse portoghese c’è il Genoa di Juric, come dimostra il gran gol segnato dall’ex madridista contro il Chieri in amichevole.

MARTINA COLOMBARI: “CASO RONALDO? TUTTO POCO CHIARO”