Connettiti con noi

Lazio News

Lazio, Luis Alberto: «Nel calcio conta la testa. Ho iniziato giocando da solo»

Redazione CalcioNews24

Pubblicato

su

Luis Alberto, numero 10 della Lazio, ha rilasciato un’intervista a France Football

Luis Alberto, numero 10 e fantasista della Lazio, ha rilasciato un’intervista a France Football dove ha parlato dei suoi esordi nel mondo del calcio.

INIZI – «Quando ero molto giovane, giocavo spesso a palla da solo. Sono stato fortunato ad avere qualcuno che mi ha visto e ha parlato con mia madre in modo da poter far parte di una squadra locale. Nel mio paese, all’epoca, non esisteva una scuola di calcio, quindi questa persona mi ha aiutato. Sono andato a Jerez, a circa 30 chilometri da casa mia. Avevo 8 anni. Mi hanno dato una palla in modo che potessi fare alcune azioni. Ero abituato a giocare da solo tutto il giorno davanti al piccolo negozio dove lavorava la mamma! (ride, ndr). È così che è iniziato tutto».

MENTALITÀ – «La testa è l’80% del calciatore. Se la tua testa è libera e pensi solo a ciò che devi fare, ti aiuta a un punto che non puoi immaginare. È il 70-80% del nostro gioco e se aggiungi conoscenza, concentrazione, desiderio di diventare più forte, è questo tutto ciò che ci dà fiducia e conforto. Questo è quello che mi è mancato nei momenti difficili del mio viaggio».

LA MAGLIA NUMERO 10 – «A noi 10 viene chiesto di trovare cose e spazi che gli altri non possono fare o addirittura vedere. Il nostro ruolo, ottenere due secondi d’anticipo per creare una situazione e fuorviare la lettura dell’avversario. La cosa più importante è il momento d’anticipo per trovare uno squilibrio nella squadra avversaria e trarne vantaggio. Quindi, è una questione di scelta: avanzare, passare, orientare… Questo è ciò che è più complicato in questo ruolo. Come regista, giochiamo di più con la testa che con i piedi. Per un motivo molto semplice: molto spesso siamo più lenti degli altri. È anche una questione di raccolta di informazioni e occhi».

Advertisement