Lazio, si presentano Stankevicius, Lulic e Konko

© foto www.imagephotoagency.it

E’ il giorno delle presentazioni, quelle ufficiali s’intende. I sette super eroi biancocelesti arrivati alla corte di Reja si mostrano alla stampa al fianco di chi li ha scelti: il presidente Claudio Lotito. Marchetti, Konko, Stanchevicius, Lulic, Cana, Cissè e Klose, dalla porta all’attacco costituiscono la spina dorsale della nuova Lazio. Tra gli ultimi arrivi nella sede estiva biancoceleste spicca il nome di Marius Stankevicius. Il giocatore lituano acquistato dalla Sampdoria era di rientro da un prestito in Spagna: più precisamente dal Valencia. Lui che sa interpretare più ruoli in mezzo al capo è stato arruolato dalla Lazio per dare certeze in difesa al duo: Biava-Dias.Ã? “Marius è stato prescelto per fare il difensore centrale. “? ha spiegato Lotito “?Lui è un giocatore duttile che può interpretare diversi ruoli ed è stato scelto anche perchè Tare lo conosce bene, avendoci giocato insieme diversi anni fa. Il suo arrivo concederà  tranquillità  e certezze alla retroguradia”.Ã? Dunque Stanke sarà  il centrale di difesa che fra coppe e campionato alzerà  il muro davanti a Marchetti. Lui, Marius è contento per la sua scelta e per la fiducia che Reja e la società  nutrono nei suoi confronti:Ã? “Sono tanti anni che sono in giro per l’Europa giocando al calcio “?Ã? ha dichiarato Stankevicius “?Ã? e ritengo che il mio arrivo alla Lazio costituisca un nuovo passo in avanti per la carriera. Sono felice di star bene e continuare a migliorarmi. Io in campo so giocare ovunque fra difesa e linea mediana. Nell’ultimo anno a Valencia ho fatto molto bene da centrale e penso che lì starò a mio agio. Ovvio che se serve saprò dare una mano alla squadra anche più avanti”.

LULIC: “NESSUNA PAURA” – Senad Lulic è il primo sigillo della campagna acquisti fin qui condotta da Lotito. E’ arrivato dallo Young Boys per un corrispettivo di poco inferiore ai 3 milioni di euro: “E’ uno di quei giocatori che caldeggiando l’arrivo della Lazio ha fatto una scelta convinta “?ha spiegato il presidente biancoceleste -,Ã? Ha ritenuto che questa squadra possa fargli fare un salto di qualità , mentre a noi fornisce un’alternativa di caratteristiche diverse rispetto a Radu, ancor di più poichè può spaziare in altre zone del campo (esterno basso e alto, a destra e sinistra ndr)”. Considerazioni tecnico-tattiche riprese, poi, dallo stesso Lulic. Nei primi 9 giorni di ritiro Reja l’ha sempre testato come difensore di sinistra, ma dopo il primo test amichevole della stagione qualcosa è cambiato nella testa nel tecnico goriziano: “Ho intenzione di provarlo anche a centrocampo (interno sinistro nel 4-3-1-2, ndr)Ã? per sfruttare a pieno le sue doti offensive“, ha spiegato Reja, che ieri pomeriggio ha concretizzato le sue idee sul campo, nel corso della consueta partitella in famiglia: “Ho parlato con il mister del mio ruolo, ma la preparazione è ancora molto lunga per definire in tutto e per tutto la situazione “? ribatte lo stesso Lulic -Ã? Oggi pomeriggio giocheremo un’amichevole, domani anche, ma c’è ancora molto tempo per conoscerci meglio. In nazionale gioco terzino sinistro, mentre allo Young Boys ho giocato in una posizione più avanzata. Per me non c’è una grande differenza, sono certo di poter giocare in entrambe le posizioni“. A prescindere dalla posizione che occuperà  in campo, una cosa è certa: “Non ho paura del calcio italiano, ora sono solo pochi giorni che siamo insieme, ma non posso temere nulla visto che sono in un club con grandi giocatori e bravi ragazzi”.

KONKO: “INFORTUNI ALLE SPALLE” – Da una fascia all’altra, da Lulic a Konko, che in Italia è tornato a trascorrere gli ultimi 6 mesi con la maglia del Genoa, che in precedenza l’aveva ceduto al Siviglia per ben 9 milioni di euro: “Per Konko avevo trovato subito l’accordo con il mio amico Preziosi “? spiega Lotito – ,Ã? Da questo punto di vista non c’è stata lotta. Diverso il discorso per quanto riguarda la possibilità  di poter trovare una soluzione che conciliasse le motivazioni personali del ragazzo (in un primo momento non c’è stato accordo sull’ingaggio, ndr).Ã? Anche lui può giocare in più parti del campo e certamente fornirà  grande qualità  nei settori in cui verrà  impiegato”. Si improvvisa tecnico Lotito, molto più interessato ad un definitivo rilancio l’esterno marsigliese. Probabilmente la sua stagione più brillante è stata con il Genoa nel 2007-2008, negli ultimi 3 anni delle noie fisiche non gli hanno permesso di esprimersi agli stessi livelli con grande continuità : “E’ vero, ho avuto una serie di infortuni al Siviglia che non mi hanno aiutato a dare il massimo, ma è stata un’esperienza positiva, ho imparato tante cose, mi permette di ripartire con nuove basi anche nella Lazio“. Reja e Konko, un connubio che torna d’attualità  dopo l’esperienza di quasi 10 anni fa nel Genoa: “L’ho ritrovato tale e quale a quando ero nella Primavera dei rossoblù, è un grande professionista ed una persona molto disponibile”.

Fonte: Lalaziosiamonoi.it