Roma, Montella: “DiBenedetto? Curiosi ma non ansiosi”

© foto www.imagephotoagency.it

“Siamo molto sereni, nello spogliatoio siamo molto curiosi ma non ansiosi”. Vincenzo Montella, allenatore della Roma, risponde così alle domande relative alle vicende societarie. A Boston, nelle prossime ore potrebbe concretizzarsi la cessione della società  alla cordata statunitense guidata da Thomas DiBenedetto. ”L’imperativo è pensare alla partita di domani così come sta accadendo. E poi vedremo cosa succederà ” dice Montella nella conferenza alla vigilia della gara casalinga con il Palermo. Montella attende che il passaggio della società  si concretizzi prima di parlare del futuro. “Ne parlerò quando sarà  ufficiale. Il mio pensiero va alla famiglia Sensi per l’amore e la passione che ha messo nella Roma in questi anni. Quando la società  passerà  di mano, si parlerà  di futuro”, aggiunge il tecnico giallorosso, che sulla stagione in corso sottolinea: “Il quarto posto non è un’ossessione, è un traguardo raggiungibile, ma abbiamo l’handicap della classifica. Siamo lì, in lotta, siamo contenti. Abbiamo la possibilità  ancora di salvare la stagione. Se non dovesse arrivare non credo di possano fare particolari drammi. Ora pensiamo al Palermo”. Montella crede fortemente al quarto posto ma non vuole mettere troppa pressione alla squadra. La Roma affronterà  una partita alla volta e la prima delle ultime sei sfide è quella di domani con il Palermo: “Punterò, come sempre, sui giocatori che credo siano adatti per quelle particolare partita, facendo tante valutazioni anche rispetto agli avversari. Andrà  in campo la squadra che reputo migliore”.
Nel momento decisivo della stagione non sono mancati i gol di Totti, ma forse ci si aspettava di più da Menez e Vucinic. “Potenzialmente possono fare di più. Ma per quanto mi riguarda, Vucinic ha dato tutto se stesso domenica e non solo. Ci aspettiamo qualche colpo in più, ma se il giocatore ha questa voglia di fare arriverà . Gli chiedo anche un lavoro in fase di non possesso e a volte questo può far perdere lucidità . Possono giocare insieme? Sicuramente – ha aggiunto Montella – sono entrambi bravi e si sono allenati bene. Sono indeciso”.
L’allenatore non vede problemi particolari per De Rossi che alcuni danno in partenza da Roma. “Non lo so e non me lo chiedo nemmeno. Lui è concentrato per dare il meglio di sè in campo e nelle ultime partite mi è sembrato evidente. Io lo vedo concentrato” dice il tecnico che dovrà  fare a meno in difesa di Mexes infortunato e Juan squalificato. In settimana Montella ha provato Cassetti e Loria al fianco di Burdisso: “Loria è più giocatore centrale, un grandissimo professionista, Cassetti è un esterno, un ruolo differente, ma ho due opzioni”.
Domani la Roma avrà  di fronte Pastore che voci di mercato dicono interessi ai giallorossi, ma Montella non commenta. “Non mi posso preoccupare delle caratteristiche caratteriali di Pastore, ci sarà  modo di rispondere più avanti, non mi preoccupo di mercato. Pastore è un avversario e dirò ai miei giocatori come fare a contrastarlo. La squadra che andrà  in campo domani sarà  solo in funzione del Palermo. Non ci sarà  turn-over ma giocherà  chi è più idoneo” per questa partita ”che temo moltissimo – aggiunge – hanno un bravissimo allenatore ed è una squadra che gioca bene, con caratteristiche importanti”.

Fonte| Adnkronos