Connettiti con noi

Hanno Detto

Sassuolo, Carnevali: «Locatelli-Juve trattativa più lunga. Per noi anno di ripartenza»

Pubblicato

su

Sassuolo
Ascolta la versione audio dell'articolo

L’a.d. del Sassuolo Giovanni Carnevali ha parlato in vista del match di domani contro la Juventus

Giovanni Carnevali, amministratore delegato del Sassuolo, ha rilasciato un’intervista a Tuttosport parlando del match di domani contro la Juventus e degli obiettivi del club neroverde.

INCONTRO CON CHERUBINI – «Ho perso il conto… Diciamo che per fortuna stavolta è una partita, non una riunione di mercato. Mi fa piacere rivedere Cherubini. È un amico e un ottimo dirigente, un mix dei suoi maestri Marotta e Paratici». 

TRATTATIVA LOCATELLI«La più lunga, non la più difficile. La trattativa più complicata è stata quella con Lotito per la cessione di Acerbi alla Lazio. Detto questo, con la Juventus abbiamo sfiorato più volte la rottura. Poi per fortuna siamo riusciti a trovare un ottimo accordo per tutti. I bianconeri hanno compiuto uno sforzo importante per venire incontro alle nostre richieste. Regalato? Chi sostiene questa tesi probabilmente è poco competente di contratti. Noi incasseremo quanto volevamo (37.5 milioni tra fisso e bonus, ndr). Siamo soddisfatti noi e lo sono la Juventus e Locatelli, che ha sempre voluto soltanto i bianconeri». 

BONUS«Ci sono, per noi l’importante è che Manuel giochi tanto… Ma se segna non esulto, io festeggio soltanto i gol del Sassuolo. Veniamo a Torino per giocarcela fino in fondo, com’è nello spirito del Sassuolo». 

ALLEGRI«È sempre un piacere rivederlo. Anche se Max è meglio incontrarlo a cena, dove ti fa divertire. Quando lo affronti in partita, invece, ti fa soffrire. Allegri è il valore aggiunto della Juventus. Max è stato il grande colpo estivo dei bianconeri e in un certo senso è lui il vero acquisto che va a sostituire Cristiano Ronaldo». 

OBIETTIVI STAGIONALI«Abbiamo ceduto giocatori importanti, è un anno di ripartenza. Siamo consapevoli delle difficoltà che ci aspettano, ma anche della nostra forza. Abbiamo sempre Berardi, che è il miglior giocatore italiano. E poi c’è Raspadori, che si sta confermando». 

SCAMACCA-RASPADORI INTER E JUVE «È vero, con Marotta ho parlato di entrambi. Con Cherubini no, almeno per ora. Sicuramente a gennaio non si muovono. In estate vedremo. Il principio è lo stesso: noi siamo pronti a vendere i nostri gioielli alle big, ma soltanto se le offerte sono soddisfacenti. Esattamente come è successo con Locatelli».