Connettiti con noi

News

Serie A, lo scudetto dell’infermeria: tanti infortunati, calendario troppo fitto

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

I recenti infortuni di Kjaer e Koulibaly priva Napoli e Milan dei rispettivi centrali difensivi. Lo scudetto si gioca in infermeria, colpo di un calendario troppo fitto

Il turno infrasettimanale ha fatto perdere a Napoli Milan, prima e seconda in classifica, i rispettivi centrali difensivi. Gli azzurri dovranno fare a meno di Koulibaly fino a febbraio, i rossoneri rischiano di aver perso Kjaer per tutta la giornata. E questi infortuni si aggiungono a quelli già appurati di Osimhen Anguissa per la squadra di Spalletti e a quelli di Calabria Giroud per quella di Pioli che pure recentemente aveva recuperato Tomori Maignan.

E lo scudetto rischia così di essere decisivo dalla formazione che subirà meno infortuni gravi. Tanti calciatori in infermeria colpa soprattutto, come riporta il Corriere della Sera, del calendario troppo fitto; a cui si aggiungono terreni di gioco fatiscenti e anche, come sussurrato da qualcuno, il modo di allenarsi in Italia rispetto al resto d’Europa. Le tante partite, però, sono il problema principale con un campionato che nessuno riesce a modificare portandolo a 18 o a 16 squadre. In aggiunta invece cresce il numero delle competizioni con la conseguenza di vedere i calciatori più in infermeria che in campo.