Connettiti con noi

Hanno Detto

Signori: «Il rimpianto più grande? Al Mondiale 1994, Sacchi mi disse…»

Pubblicato

su

signori lazio sarri

Beppe Signori si è raccontato in una lunga intervista concessa a Il Foglio, nella quale esprime la sua voglia di tornare nel mondo del calcio

Il mondo del calcio ha da qualche settimana riacquisito una risorsa che sembrava aver perso: Beppe Signori. Il Re è stato riabilitato dopo l’assoluzione dall’accusa di calcioscommesse, ricevendo la grazia dal presidente della FIGC Gravina, e ora si dice pronto a tornare.

CLICCA QUI PER LE DICHIARAZIONI INTEGRALI

Queste le sue parole concesse in una lunga intervista a Il Foglio: «Addosso mi sento 25-30 anni, ma ne ho 53. Si invecchia prima con la testa, ma io mi sento ancora giovane. La pandemia avrebbe dovuto caricarmi di stress e farmi diventare ingrassare di duecento chili, e invece no, mi hanno aiutato i miei figli. Il tempo? Zeman diceva che è fondamentale. Adesso non ho fretta di allenare, non è la scelta giusta andare allo sbaraglio. Dieci o undici anni non cambiano molto. A tutti è data la possibilità di allenare, dipende se sarò bravo a sfruttare l’occasione. Io cerco un progetto».

RIMPIANTI – «Sicuramente quello di non aver giocato la finale del mondiali di USA ’94. Baggio si era fatto male alla coscia, non doveva giocare. Sacchi mi disse ‘giochi tu con Massaro davanti’, poi Roby se la senti e il ct mi fece fuori perché volevo giocare davanti da solo. Tornassi indietro chiederei di giocare a centrocampo. Chissà, magari avrei battuto io il rigore e lo avrei segnato».

Advertisement