Spezia, un miracolo Italiano. Due vittorie consecutive, e sabato c’è il Torino

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Lo Spezia centra la seconda vittoria consecutiva, Italiano può contare su Nzola e i giovani talenti di una squadra in piena fiducia

In pochi avrebbero scommesso sullo Spezia a inizio stagione, ma la classifica inizia a farsi particolarmente interessante per i liguri. Che trovano la seconda vittoria consecutiva nel posticipo contro la Samp, dopo aver battuto il Napoli a domicilio, e con un uomo in meno. Al momento la differenza la fa soprattutto Vincenzo Italiano, allenatore giovane ma capace di dare identità e fiducia a una squadra che si ritrova al 14° posto in classifica, dietro al Bologna e davanti all’Udinese. Italiano arriva dal Trapani, ottiene una storica promozione (3° posto in B) in A e può vantare un primato curioso: è l’unico allenatore che in FIGC è riuscito fino ad ora a vincere i playoff in tre diverse categorie consecutive: D, C e B.

La salvezza al momento sembra a portata di mano, soprattutto se il gioiellino Nzola mantiene la sua vena realizzativa che fino ad ora sta facendo la differenza. Con 9 reti è il francese che ha segnato più gol nel girone di andata al primo anno, meglio di Platini, Trezeguet e Djorkaeff per intenderci. Dal mercato, intanto, è arrivato Saponara, la sua esperienza potrebbe essere determinante sulla strada della permanenza in A. E dopo un lungo girovagare, dopo l’esperienza con poche soddisfazioni alla Fiorentina, lo Spezia potrebbe essere l’occasione del rilancio, magari anche da esterno offensivo. Senza Acampora e Ricci, positivi al Covid, la squadra di Italiano si è ricompattata contro Napoli e Samp, sabato c’è il Toro in uno scontro diretto per la salvezza. Occhio ai baby talenti Agoume (18 anni), Pobega (21 anni) e Agudelo (22 anni), Italiano al momento se li tiene stretti.