Tacconi-Brighenti, frasi razziste: «E Babacar ha 4 anni in più!». L’ex portiere si scusa – VIDEO

Babacar
© foto @SportReview

Il video che sta facendo il giro del web riguarda l’ex portiere della Juve e della Nazionale, Stefano Tacconi, di ritorno dal funerale dell’ex c.t Vicini, che si lascia andare ad alcuni commenti poco felici insieme allo storico vice Brighenti – 2 febbraio, ore 19

Arrivano le scuse pubbliche di Stefano Tacconi. L’ex portiere è intervenuto a “RMC Sport” per prendere le distanze dopo la bufera per le frasi a sfondo razziste apparse durante la diretta video su Facebook: «Stavo parlando in auto con degli amici: è solo goliardia. Ho pubblicato un altro video, in mattinata, per chiedere scusa a tutti. Non sono razzista o fascista, ho tanti amici di colore».

Posted by Stefano Tacconi on Freitag, 2. Februar 2018

Tacconi-Brighenti, frasi razziste in diretta: «E Babacar ha 4 anni in più!» – VIDEO – 2 febbraio, ore 12.30

E’ bufera per alcune dichiarazioni dell’ex portiere Stefano Tacconi. Di ritorno dal funerale del compianto commissario tecnico Azeglio Vicini, Tacconi, in auto insieme ad amici, tra cui il figlio Andrea e Sergio Brighenti, ex vice-allenatore di Vicini durante il mondiale di Italia ’90, hanno raccontato goliardicamente aneddoti del loro passato calcistico. Tutto rigorosamente in diretta sui social network. Tanto che alcuni commenti, in particolare modo sui calciatori di colore e su alcune fedi politiche dei calciatori del passato, stanno facendo discutere il mondo del web.

Durante la chiacchierata in macchina rigorosamente in diretta su Facebook, Tacconi si è lasciato andare a qualche commento di stampo razzista come ‘quei negher lì…’ riferendosi ad alcuni calciatori di colore. Non solo. Nella discussione si inserisce proprio Brighenti, che parla nel video di alcuni ‘maneggiatori’ risalenti ai tempi del Modena: «Portarono quattro giocatori africani: andai a controllare e i documenti erano falsi. Avevano quattro anni in più. Uno si chiamava Babacar». Per concludere c’è spazio anche per le fedi politiche: «Vicini era comunista» la rivelazione di Brighenti che dà il la alla risposta di Tacconi: «E non giocavo perché sapeva che io ero fascista e Zenga comunista?».