Atalanta pro-Amatrice, accordo con… il Congo

conti atalanta
© foto www.imagephotoagency.it

Atalanta: l’incasso della partita casalinga contro la Fiorentina devoluto alla popolazione di Amatrice colpite dal sisma, allo stadio presente il sindaco Pirozzi. Accordo con la Repubblica del Congo per la ricerca di nuovi talenti

A mesi di distanza dal terremoto che ha praticamente raso al suolo buona parte del Centro Italia, il calcio non dimentica. Non dimentica di certo l’Atalanta che ha deciso di devolvere l’incasso (al netto delle imposte) della prossima partita casalinga, domenica 5 marzo contro la Fiorentina (match a ora di pranzo) al Comune di Amatrice, di certo il più colpito e devastato dal sisma che negli ultimi mesi ha cambiato la vita di tantissime persone. Un bellissimo gesto da parte del club nerazzurro che segue a quello di tantissimi altri club di Serie A (tra i primi a muoversi con varie iniziative, la Lazio, il cui presidente Claudio Lotito è originario proprio di quelle zone) e che sarà certificato dalla presenza presso lo Stadio Atleti Azzurri d’Italia del sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi. Pochi giorni prima della partita tra l’altro, venerdì 3, ci sarà una serata benefica presso l’Accademia dello Sport per la Solidarietà di Bergamo: anche in quell’occasione sarà presente il sindaco Pirozzi.

L’Atalanta sbarca in Congo

Non è finita qui però. Ieri l’Atalanta ha sottoscritto infatti un accordo con il ministro dello sport della Repubblica del Congo Leon Alfred Opimba per una collaborazione che prevede investimenti nerazzurri nel paese africano per la ricerca di nuovi talenti. A sottoscrivere l’accordo l’amministratore delegato dell’Atalanta Luca Percassi. Dagli accordi è previsto l’utilizzo di allenatori e strumentazioni da parte degli orobici in Congo in cambio della possibilità di selezionare alcuni tra i migliori giovani talenti delle scuole calcio locali.