Hamsik macchina da record: adesso può batterne un altro

hamsik
© foto www.imagephotoagency.it

Marek Hamsik è il capitano e il simbolo del Napoli dell’era De Laurentiis, un recordman assoluto che può entrare ancor di più nella storia azzurra

Lavezzi, Quagliarella, Cavani, Higuain sono passati, altrettanti lo faranno, ma la sensazione è che Marek Hamsik sia destinato a restare, a Napoli e nella storia del club azzurro. Un giocatore di altri tempi, per stile e attaccamento alla maglia, un Capitano di mille battaglie che vuole continuare a riscrivere ogni record possibile. Uno, forse quello più importante, porta già il suo nome: il centrocampista slovacco è, infatti, il miglior goleador di tutti i tempi nella storia napoletana, capace di spodestare Diego Armando Maradona.

11 anni con il colore azzurro addosso, contro il Benevento saranno ben 380 partite a difesa di quella che, dal 2007 in poi, è diventata la sua fede. Davanti a lui soltanto Bruscolotti, fermo a 387 e Juliano, capolista con 394. Presumibilmente Hamsik riscriverà questo record già nella stagione in corso, visto che ci sono 16 partite di campionato e 2 di Europa League ancora da giocare. Record che sarà figlio della sua scelta di restare a Napoli, ma anche del fatto che qualsiasi allenatore sia passato per il San Paolo abbia messo il suo talento al centro dei rispettivi progetti tecnici. Hamsik è la storia.