Connettiti con noi

Hanno Detto

Infantino: «Sosteniamo la UEFA e Ceferin. Sulle sanzioni ai club…»

Pubblicato

su

Infantino

Gianni Infantino, presidente della FIFA, ha parlato in esclusiva ad AS.com della Superlega: queste le sue dichiarazioni

Gianni Infantino ha parlato in una lunghissima intervista rilasciata ad As.com. Queste le parole del presidente della FIFA.

La FIFA, e più precisamente lei, che per molti anni è stato segretario generale della UEFA, sembra la persona ideale per mediare il conflitto tra la Confederazione Europea e le grandi squadre della Super League (ESL). Cosa può fare Infantino per aiutare?

«Sono il presidente della FIFA e la mia responsabilità è difendere tutto il calcio ovunque. Ciò include club, leghe e federazioni di tutto il mondo, siano esse piccole, medie o grandi, con diversi livelli di sviluppo. Comprende anche i giocatori, gli allenatori, gli arbitri e tutte le parti coinvolte, tenendo sempre presente i tifosi che sono e dovrebbero essere al centro di tutto ciò che facciamo. Sono stato molto chiaro sulla mia posizione e su quella della FIFA su questo argomento. Sosteniamo la UEFA nel suo rifiuto della Super League. Siamo contrari e ci opporremo sempre a qualsiasi competizione che non faccia parte della struttura internazionale del calcio e che minacci l’unità e la solidarietà che dovrebbero sempre esistere nella piramide calcistica, che lega il calcio di base e dilettantistico con le stelle di questo sport. Detto questo, è anche mio obbligo mediare tra le parti in modo che inizi un dialogo profondo e costruttivo alla ricerca di soluzioni positive. Dovete affrontare insieme i problemi del calcio».

Il conflitto è in fermento da anni perché entrambe le parti hanno le loro ragioni: la UEFA perché è proprietaria della competizione e le società perché sono loro a pagare i giocatori. Quali soluzioni riesci a pensare?

«Il nostro sport ha tanto successo perché si è creato un legame tra la base e la sommità della piramide, tra un ragazzo o una ragazza che gioca a scuola e le stelle al termine di una grande competizione. I club sono una parte essenziale di questa piramide, ma ci sono anche altre strutture che aiutano a garantire che tutti siano uniti. Inoltre, esistono meccanismi di controllo che garantiscono la solidarietà affinché le squadre meno privilegiate possano beneficiare, anche se solo in parte, del successo e della popolarità dei più famosi e potenti. Come ogni cosa nella vita, devi trovare un giusto equilibrio per difendere gli interessi di tutti. Come ho già detto, il nostro interesse è difendere il calcio nel suo insieme, dal calcio di base alle grandi star, in tutto il mondo, non solo in Europa e in America, ma anche nei Caraibi, in Africa, in Asia e in Oceania. Ad esempio, abbiamo proposto, ed è stato approvato, un concorso che, a nostro avviso, ha molto senso in questo particolare contesto. La nuova entusiasmante Coppa del Mondo per Club, che sostituirà due competizioni (l’attuale Coppa del Mondo per Club e la Confederations Cup) per non sovraccaricare i giocatori. Per i club che si qualificheranno questo significherà una buona nuova fonte di guadagno, ma il nuovo Mondiale per Club andrà a beneficio non solo dei club partecipanti, ma dell’intera piramide calcistica. In effetti, la FIFA non prenderà un solo dollaro da questa competizione e faremo in modo che una percentuale dei profitti vada a club, leghe e federazioni non partecipanti, sia uomini che donne, e ai giovani di tutto il mondo. A questo proposito, annunceremo presto la creazione di un nuovo Mondiale femminile che credo sarà un successo. Dobbiamo trovare soluzioni insieme e abbiamo proposto un dibattito ampio e approfondito su dove siamo attualmente e su come vogliamo evolverci per essere più forti e meglio preparati in situazioni come quella che abbiamo dovuto convivere con la pandemia».

– Hai detto che preferisci dialogare piuttosto che imporre sanzioni ai club, e alcuni hanno voluto vedere in questo un attacco alla UEFA e al suo presidente, Ceferin. È così?

«Voglio essere molto chiaro: sia la FIFA che io sosteniamo personalmente la UEFA e il suo presidente nella loro posizione contro la Super League. Penso che dobbiamo riflettere attentamente sui prossimi passi, perché si tratta di una questione complessa che va oltre una semplice competizione. Riguarda l’ecosistema del calcio. Per quanto riguarda le sanzioni, esistono organismi competenti e indipendenti che analizzeranno cosa si può e si deve fare al riguardo, quindi non è mio compito parlarne. Ovviamente, ciò non significa che escluda l’applicazione di sanzioni su scala nazionale, continentale o globale. L’ho detto una volta e lo ripeto ora chiaramente: o i club vogliono far parte delle strutture del calcio o dovranno affrontarne le conseguenze. È ovvio e sono sicuro che lo sappiano. A proposito, mentre parliamo dell’argomento, permettetemi di chiarire che quando ho detto che un leader dovrebbe pensare al motivo per cui siamo dove siamo, non mi riferivo al presidente della UEFA. Era un invito a tutti gli amministratori del calcio a riunirsi per riflettere sul contesto in cui viviamo. Vorrei riunire tutte le parti e poter avere un dialogo costruttivo e trovare così soluzioni migliori per tutti. Una soluzione pacifica è sempre meglio di un conflitto. Ripeto, questo va ben oltre una semplice competizione; Ha un impatto globale, poiché, ad esempio, ci sono molti giocatori da tutto il mondo che giocano per questi club e la FIFA deve proteggere il calcio dalle squadre nazionali di tutto il mondo. In ogni caso, penso che tutti possiamo esprimere la nostra opinione, non solo pochi, nel modo più efficace e migliore possibile. Molti sono disposti a stabilire un dialogo e, naturalmente, le porte della FIFA sono sempre aperte a chiunque partecipi al calcio. Ma una cosa deve essere chiara, non accetteremo proposte che contraddicono i valori del nostro gioco, come il merito sportivo, la solidarietà, l’integrità e l’equo accesso alle competizioni».

Cosa dice che delle quattro semifinaliste in Champions League, tre squadre (Manchester City, PSG e Chelsea) siano state indagate per non aver rispettato il Financial Fair Play? Sei stato uno dei grandi promotori dell’FPF, non credi che lo standard abbia perso la sua efficacia e che questo possa essere uno dei motivi della nascita di ESL? Perché è chiaro che la UEFA ha fallito nei meccanismi di controllo e che l’ESL vuole controllarsi tra pari.

«La UEFA ha organi indipendenti per trattare questi casi, quindi non dovrei parlarne. Quando è stato introdotto il FPF, è stato fatto con l’approvazione di tutti i club ed è stato deciso per consenso che queste regole erano necessarie. Nel 2011, i club europei avevano un deficit netto di 1,7 miliardi di euro, e dopo l’implementazione del FPF, in cinque anni e grazie a queste regole, le perdite si sono ridotte a meno di 300 milioni. È vero che le cose cambiano nel tempo e che la crisi del COVID-19 ci ha anche insegnato che dobbiamo adattarci. Ciò che dieci anni fa era efficace e adeguato potrebbe dover essere rivisto per vedere se ha ancora senso e se funziona, ma penso che il calcio avrà sempre bisogno di trasparenza e meccanismi di controllo a tutti i livelli».

In Inghilterra c’erano molti tifosi che sono scesi in piazza per protestare contro ESL, ma nessuna delle sei squadre inglesi coinvolte ha un proprietario inglese. I proprietari sono sceicchi arabi, milionari americani e potentati russi. Il calcio è davvero per i tifosi?

«I fan devono essere al centro di tutto ciò che facciamo. Senza i tifosi e la loro passione, il calcio non sarebbe quello che è, e dobbiamo tenerlo a mente. Il calcio è e deve essere fondamentalmente per e dai tifosi, e dobbiamo trovare modi per proteggere i loro interessi. Gli investimenti nel calcio sono ben accetti, ma fintanto che sono trasparenti e ci sono meccanismi di controllo che garantiscono un equilibrio competitivo, oltre che un settore sano e sostenibile».

– Uno dei club più prestigiosi al mondo, il Liverpool, ha annunciato perdite per 50 milioni di euro negli ultimi dodici mesi. E tra i 12 club ESL sono previste perdite comprese tra 1,5 e 2 miliardi di euro. Non tutti hanno uno stato alle spalle per risolvere il problema, lo capisci?

«Come ho detto prima, anche i meccanismi di controllo finanziario sono molto importanti per garantire una concorrenza equa ed equilibrata. Ho commentato più volte che credo si debba riflettere se sia possibile introdurre un tetto massimo su stipendi, commissioni, giocatori in rosa e altre regole che potrebbero aiutare a controllare una spirale di spese dannosa per il calcio, anche se noi vivere in un mondo sempre più globalizzato. Certo, la polemica generata dalla Super League ha oscurato l’intero dibattito, ma dovremmo cogliere l’occasione per concentrarci sulle questioni chiave del calcio e del suo futuro: meno concentrazione di potere e denaro in pochi. Peggioramento di una competitività già diseguale a livello nazionale, ma ancora peggiore a livello internazionale. Stipendi, commissioni di trasferimento e commissioni di agente che raggiungono livelli malsani o indecenti. Crescente disuguaglianza tra squadre e club a causa dell’inadeguatezza del calendario internazionale nel nuovo panorama calcistico globale. Crescita del calcio femminile».

-Conosci bene la Spagna e anche la UEFA. Onestamente, come sarebbe una Champions senza Real Madrid, Barcellona e Juventus? Quale valore perderebbe, 50, 60 … 80%? Lo sa anche Ceferin. Non è un bluff che minaccia di espellere questi club dalla competizione?

«Conosciamo tutti l’importanza di questi grandi club e come sono in grado di far vibrare i loro milioni di fan sia nei loro paesi di origine che in tutto il mondo, ma dobbiamo anche prenderci cura dei club che non sono così grandi, di quelle leghe e federazioni che non sono in cima alla piramide. Dobbiamo garantire che il calcio cresca e venga giocato in tutto il mondo. La UEFA deciderà quale sia l’azione più appropriata da intraprendere nelle sue competizioni. Certo, dobbiamo essere rigorosi e disposti ad agire con fermezza, ma senza perdere di vista la possibilità di cercare di trovare soluzioni comuni a problemi comuni».

Ci sono undici domande, una per ruolo di una squadra di calcio: cosa devi rispondere a chi dice che la FIFA non può essere imparziale nel conflitto tra UEFA ed ESL perché è partner del Qatar 2022 e l’emiro del Qatar è il proprietario del PSG?

«È la prima volta che lo sento, ma è piuttosto interessante perché ho sentito alcune persone, anche in Spagna, dire il contrario: che sono stato benevolo con le squadre che hanno promosso la Super League. Sia io che la FIFA siamo interessati a vedere il calcio svilupparsi in modo sostenibile e appropriato in tutto il mondo, non solo in Europa. Dobbiamo avere una prospettiva generale e possiamo migliorare solo se lavoriamo tutti in buona fede e siamo disposti a parlare senza tabù, ma mettendo sempre l’interesse di questo sport prima del nostro. Capisco che, ad esempio, i grandi campionati difendano le loro competizioni perché sono i più grandi e vogliono che siano ancora più grandi. Lo voglio anche io. Ma allo stesso tempo, voglio anche che altri campionati in altre parti del mondo crescano e competano in modo che tutti vincano e abbiamo un ecosistema calcistico mondiale molto più sostenibile e sano. Anche perché in fin dei conti, e questo è l’elemento più importante dell’equazione, i tifosi di tutto il mondo sono la parte più importante e dobbiamo lavorare per l’interesse dei quattro miliardi di tifosi di tutto il mondo. Sono appena arrivato da un viaggio in Costa d’Avorio, Liberia e Sierra Leone. Ho visitato alcune scuole e ho potuto toccare con mano i bisogni estremi che hanno lì, ma anche la speranza e la dignità che il calcio può dare a milioni di ragazzi e ragazze»

Advertisement