Juve-Lazio, tutto come nel 2015: il problema di Allegri è sempre lo stesso

allegri juventus
© foto www.imagephotoagency.it

La Supercoppa Italiana Juve-Lazio di questa sera non è altro che un remake della sfida del 2015: Allegri, come due anni fa, è afflitto dalla grana del regista che manca, ma stavolta non basta una scommessa alla Hernanes

Sono passati già più di due anni dall’ultima Supercoppa Italiana vinta dalla Juve. L’8 agosto 2015 i bianconeri in Cina piegarono la Lazio, la stessa avversaria che si ritroveranno di fronte questa sera all’Olimpico. In 24 mesi tante dinamiche sono cambiate, ma certe situazioni di mercato sono rimaste tali e quali. La Juve, esattamente come nel 2015, ha un grande problema che non è ancora riuscita a risolvere, ovvero quello di trovare il centrocampista dai piedi buoni, l’uomo che detta i tempi della manovra, in grado di prendere per mano la squadra nel momento del bisogno.

Una scommessa alla Hernanes non basta più

Se vogliamo lo smarrimento di due anni fa era ancor più preoccupante, visto che Marotta e Paratici le hanno tentate tutte per trovare un sostituto di Andrea Pirlo, che dopo la finale di Champions League persa contro il Barcellona aveva deciso di volare negli States. Oggi la Juve non deve sostituire nessuno, ma deve completare un reparto al quale indubbiamente manca qualcosa. La partenza di Lemina ha reso il centrocampo corto anche a livello numerico e per questo il tempo a disposizione della società stringe. Matuidi, Emre Can, Strootman e N’Zonzi rimangono sempre sullo sfondo e ogni giorno diventa più difficile chiudere la trattativa per l’uomo d’ordine che Allegri vuole in mezzo al campo.

Grande vittoria, altri 3 punti importante! #SAUDADE de fazer uma capriola! Glória a Deus! #Efraim

A post shared by Anderson Hernanes Lima (@hernanesoj) on

Il problema del 2015, in effetti, non fu risolto. Superata a pieni voti la Supercoppa Italiana, con Sturaro titolare promosso dopo una buona prestazione, la Juve brancolò nel buio nei giorni successivi. E l’arrivo di Hernanes dall’Inter fu una scommessa (persa) che i bianconeri tentarono per colmare il vuoto di qualità lasciato da Pirlo e Vidal. Oggi come allora, anche se la Supercoppa Italiana dovesse consacrare l’importanza di Pjanic, Khedira e Marchisio, trovare il centrocampista giusto è una necessità. E Allegri non vuole un altro Hernanes: meglio un giocatore importante, altrimenti avanti con gli uomini a disposizione. Marotta e Paratici avranno imparato la lezione del 2015? Non è più tempo per scommettere, alla Juve serve un campione.