Juve occhio, arrivare ad Han non è tanto semplice

kwang-song han juventus
© foto www.imagephotoagency.it

Il nordcoreano Kwang-Song Han è un patrimonio del Cagliari ed il presidente Giulini sta pensando a blindarlo

Si chiama Han, ha un cognome asiatico ma caratteristiche tecnico tattiche totalmente europee. E’ una seconda punta, capace di garantire grande abilità nel dribbling, sfrontatezza nell’uno contro uno ma al tempo stesso fisicità e solidità. E’ giovane, ha soltanto 19 anni ma si appresta a diventare uno dei calciatori più interessanti dell’intero panorama calcistico italiano. Un patrimonio tecnico ed economico che il Cagliari, che lo ha prelevato a parametro zero, dovrà, abilmente, far fruttare.

La prima parte di stagione l’ha vissuta in prestito al Perugia: 17 presenze, con tanto di 7 gol e 3 assist, il bilancio parziale. La seconda, invece, la sta vivendo in rossoblu. Gli 11 minuti contro il Chievo Verona sono stati susseguiti dalla maglia da titolare contro il Napoli e dal colpo di testa che, in Cagliari-Lazio, ha permesso a Leonardo Pavoletti di battere a rete. Prestazioni che hanno finito per attirare le attenzioni delle big del nostro campionato: Juventus e Napoli, ma in particolar modo i bianconeri, lo hanno attenzionato negli ultimi mesi. Adesso, SportItalia fa sapere che il presidente Giulini è intenzionato a prolungargli il contratto fino al 2020, aumentandogli, e non di poco, l’ingaggio.