Juventus, striscioni Superga: Unione Club Granata scrive ad Agnelli

agnelli juventus
© foto www.imagephotoagency.it

Dopo l’inchiesta di Report, l’Unione Club Granata ha scritto una lettera ad Agnelli, invitandolo a visitare Superga

Nonostante siano passate alcune settimane dall’inchiesta di Report, il tifo granata non ha dimenticato la vicenda relativa agli striscioni su Superga, introdotti all’Allianz Stadium in occasione del derby. L’Unione Club Granata, infatti, ha scritto una lettere al presidente della Juventus, Andrea Agnelli, invitandolo a visitare i luoghi simbolo della storia del Torino, tra cui Superga e il Filadelfia. Questo il contenuto della lettera:

L’Unione Club Granata (UCG), in rappresentanza di oltre 100 Toro Club associati, manifesta la propria profonda indignazione di fronte ai contenuti di due recenti trasmissioni “REPORT”, andate in onda sulla 3° Rete della televisione nazionale, che vorremmo ringraziare per il servizio informativo reso. L’alto valore che la squadra del Grande Torino ha rappresentato per il movimento calcistico e per l’Italia intera, rende inaccettabile sia l’esposizione in uno stadio degli ignobili striscioni inneggianti alla tragedia di Superga, che le bullesche risate ed i toni di scherno usati tra un presidente di una società di calcio ed un responsabile della sicurezza di uno stadio.  Consideriamo ridicolo, infine, il disperato tentativo di difesa delle proprie affermazioni e dei propri comportamenti, messo in atto da quel presidente in sede di assemblea degli azionisti. L’Unione Club Granata desidera invitare il sig. Agnelli Andrea a fare una visita alla Basilica di Superga, a dire una preghiera davanti alla Lapide dei Caduti, scendere poi dal colle alla città per visitare lo Stadio Filadelfia, teatro della Leggenda Granata degli anni ’40 recentemente ristrutturato, e in ultimo a recarsi in visita a Grugliasco, al Museo del Grande Torino, per farsi raccontare e documentare dagli splendidi volontari la Storia e la Leggenda di quella gloriosa squadra.

Nella vita ciò che conta non è vincere, ma rispettare!!”
Il Consiglio Direttivo