Libano, arbitro picchiato abbandona il calcio

© foto www.imagephotoagency.it

LIBANO ARBITRO PICCHIATOBachir Awasa se l’è vista brutta. Tuttosport riporta che l’arbitro libanese è stato insultato, inseguito, picchiato e preso a calci da giocatori e staff di una squadra dopo aver decretato un’espulsione. In seguito a questo episodio, l’arbitro libanese ha deciso di appendere il fischietto al chiodo: “Francamente non mi aspettavo di uscirne vivo”. Awasa è stato aggredito per aver espulso un giocatore dell’Al Nahda durante un match di seconda divisione contro l’Al Salam Zgharta. L’episodio è successo nello scorso fine settimana a Beirut. “Di solito quando mostriamo un cartellino rosso ci aspettiamo una reazione del giocatore: ed è quel che è accaduto, mi è corso dietro e mi ha attaccato”, ha dichiarato ai microfoni della TV Al Jadeed. “Ha cercato di colpirmi e io ho cercato di sfuggirgli, poi mi ha aggredito anche l’allenatore Mahmoud Seif Eddine, altri membri dello staff mi hanno inseguito. La situazione è precipitata e io cercavo di salvarmi correndo di qua e di là”. Awasa esclude di poterci ripensare, ma ha chiesto alla Federcalcio libanese di proteggere di più i direttori di gara.