Connettiti con noi

Cagliari News

Milan, Montella puntualizza: «Mai promessa la fascia a Donnarumma! E su Raiola…»

Pubblicato

su

esonero montella milan

Montella, nella conferenza stampa di vigilia di Milan-Cagliari, torna sulle parole di Raiola: «Non diamo importanza a certe frasi». E poi fa il punto su Biglia, Montolivo e Niang, oltre al mercato in entrata

«Rispetto tutti, ma diamo troppa importanza a quello che dicono gli altri. La società non mi ha mai detto di assegnare la fascia di capitano a Donnarumma e non è mai stata promessa». Inizia così, dal punto più spinoso, la conferenza stampa di Vincenzo Montella alla vigilia di Milan-Cagliari. Dopo il dribbling sulla questione della fascia di capitano affidata a Bonucci (che ha generato la perplessità di Mino Raiola), il tecnico rossonero si è concentrato sul nuovo arrivato Nikola Kalinic: «Molto probabilmente lo convoco. E’ ancora un po’ indietro, sta facendo lavoro con la squadra – spiega Montella – Attacco? Siamo contenti di Cutrone, così come dell’arrivo di Andrè Silva e Nikola. Da quando la panchina ha 23 elementi, qualcuno dovrà andarci. Giocando ogni tre giorni, non vedo problemi. Due punte? Abbiamo provato anche nel pre-campionato».

Su Montolivo e Locatelli Montella è tranquillo: «Riccardo si è allenato ieri, l’abbiamo tenuto a riposo volutamente, forzando sarebbe potuto venire in Macedonia. Anche Biglia è migliorato molto. Locatelli sta crescendo sempre di più, l’Europa dà esperienza, l’altro giorno ha fatto una grande partita. Montolivo può fare anche l’interno di centrocampo e può giocare in un centrocampo a due, sono risorse importanti».

Chiosa anche sull’esordio a San Siro: «Mi aspettavo quest’entusiasmo, verrà anche il presidente. Nelle ultime due partite casalinghe abbiamo sentito il supporto del pubblico, siamo orgogliosi. Ci piacerebbe partire bene. Cagliari? E’ una squadra che l’anno scorso ci ha messo particolarmente in difficoltà, sia all’andata che al ritorno. Vengono da una sconfitta, sarà una partita pericolosa perché sono preparati tatticamente e hanno ottime individualità, soprattutto in attacco». E battuta finale dedicata a Niang e al mercato: «E’ un ragazzo sensibile, vorrei parlarci un po’ perché con lui ho un ottimo rapporto. Mercato? Ho visto Mirabelli molto stanco, spero che finisca il prima possibile…».