Mourinho: «Inter-Juve? Occhi su Icardi per capire il suo futuro. La Champions per i nerazzurri è ormai sicura» – VIDEO

Mourinho: «Inter-Juve? Occhi su Icardi per capire il suo futuro. La Champions per i nerazzurri è ormai sicura» – VIDEO
© foto www.imagephotoagency.it

Josè Mourinho presenta Inter-Juventus di domani sera: questa partita è diversa dalle altre. Calciomercato? Icardi sarà protagonista

Intervistato da DAZN, Josè Mourinho ha parlato anche della partita di domani sera tra Inter e Juventus: «Questa partita l’ho sentita sempre. La partita contro la Juventus era diversa dalle altre ed ho cercato di trasmettere sempre questa cosa anche ai calciatori. Quando vivi queste partite solo da professionista non basta».

Qual è il giocatore da tenere d’occhio? «Inter e Juve sono due squadre di dimensione mondiale, non c’è nulla di nascosto. Con tutta questa storia, però, è chiaro che tutti noi avremo gli occhi puntati su Icardi per capire come possono finire le cose, l’evoluzione del problema, se il rapporto è migliorato. A livello di obiettivi, poi, dopo che l’Inter ha perso la possibilità di vincere lo scudetto ed è stata eliminata dalle coppe, mi sembra di poter dire che i nerazzurri centreranno con sicurezza la qualificazione in Champions League».

Famiglia Inter «A Milano ho trovato una famiglia incredibile, ero felice ogni giorno ad Appiano. La connessione con i tifosi è il risultato dei risultati, se si vince si è felici assieme, abbiamo creato una bella empatia. Anche a Londra arrivano gli interisti ad abbracciarmi. L’Italia è stato un habitat naturale per me, si vive il calcio 24 ore al giorno e tutti sanno più di calcio dell’allenatore stesso. Quando vedo i colori dell’Inter vedo i colori della mia famiglia».

Futuro Kean «Dove può arrivare? E’ molto importante conoscere il ragazzo ed io non lo conosco. Lo conosco solo da quello che guardo alla tv. Quello che so è che la Juventus è una struttura grande con gente di esperienza e qualità. Quindi può creare l’ambiente ideale per far crescere questo ragazzo e farlo diventare un grande calciatore».