Napoli, l’ASL blocca la partenza per Torino: gli ultimi aggiornamenti

Iscriviti
© foto www.imagephotoagency.it

Juventus-Napoli è a rischio rinvio dopo che l’Asl di Napoli ha bloccato la partenza della squadra di Gattuso verso Torino.

L’Asl Napoli 2 ha bloccato la partenza del Napoli verso Torino dopo la positività di Eljif Elmas, secondo caso nella società di Aurelio De Laurentiis dopo quella di Piotr Zielinski riscontrata ieri.

La decisione è stata presa dalla Regione Campania che vuole evitare il rischio di un focolaio come avvenuto a Genova, con il Genoa che ha riscontrato 22 positività nell’ultima settimana.

La situazione però, come sottolinea La Gazzetta dello Sport, è in evoluzione dato che il club è in contatto con le istituzioni per trovare una soluzione.

Il Napoli ha ricevuto questa notizia mentre era già sul pullman per andare all’aeroporto.

Nel frattempo anche la Juventus si trova in isolamento dopo che due componenti dello staff bianconero sono risultati positivi.

Come confermato dal club bianconero, non si tratta né di giocatori né di componenti dello staff tecnico.

Dato il coinvolgimento delle Autorità, a questo punto la decisione in merito al rinvio di Juventus-Napoli non riguarda solamente la Lega Calcio ma coinvolge anche gli altri organi istituzionali.

Il comunicato dell’Asl: «In merito alla vicenda della mancata partenza della squadra del Napoli a seguito della comunicazione della positività ai tamponi per i calciatori Zielinski ed Elmas, l’Asl Napoli 2 Nord – territorialmente competente per la residenza dei due atleti – comunica che sono state applicate le norme nazionali e regionali in merito alla gestione della pandemia. Sono state effettuate le indagini epidemiologiche, sono stati disposti i tamponi a familiari e contatti stretti, è stata comunicata la delega al Medico sociale del Calcio Napoli per la gestione dei casi sospetti tesserati Napoli S.S.C. L’ASL Napoli 2 Nord – come da procedura – ha poi comunicato alle altre Aziende Sanitarie, competenti per residenza, i nominativi dei contatti stretti dei calciatori positivi, al fine di mettere in atto la procedura di tracciamento e contenimento del contagio».