-->
Connettiti con noi

Calcio italiano

Oddo: «Inzaghi felice all’Inter, può vincere lo scudetto»

Pubblicato

su

Massimo Oddo ha parlato a Tuttosport del campionato di Serie A e della corsa scudetto: le sue parole

Intervenuto ai microfoni di TuttosportMassimo Oddo ha rilasciato alcune dichiarazioni sulla corsa scudetto e sull’Inter di Inzaghi.

FAVORITE – «L’Inter, anche se ha perso giocatori importanti, ha sempre un organico forte, anche perché chi è arrivato è tutt’altro che scarso. È un’Inter diversa come caratteristiche offensive, ma rimane una delle principali candidate allo scudetto. Direi una delle quattro favorite con NapoliMilan e Juventus. Senza dimenticare ovviamente le romane e l’Atalanta».

INZAGHI – «Simone ha accettato un’eredità pesante come quella di Conte e una squadra Campione d’Italia. Forse le cessioni di Lukaku e Hakimi hanno tolto un po’ di pressione ma l’Inter rimane l’Inter e quando arrivi in una piazza del genere è difficile a prescindere. Era già proiettato a fare l’allenatore. Ha smesso di giocare a 34 anni ma nella sua testa quest’idea c’era già da un po’ di anni».

FILIPPO E SIMONE INZAGHI – ««Sono due tecnici a cui piace infondere un gioco offensivo alle loro squadre, che infatti hanno sempre segnato tanto. Bisogna sottolineare come abbiano a disposizione due ottime squadre per i rispettivi campionati, hanno fatto un lavoro eccellente. Quale impegno più difficile? Il mestiere dell’allenatore è complicato. Entrambi hanno due sfide impegnative, ci si aspetta tanto da Pippo in Serie B. Simone invece ha accettato un’eredità pesante, quella di Conte. L’Inter però è l’Inter».

ADDIO LAZIO – «È stato difficile per Simone lasciare Roma, la Lazio era casa sua. C’è stato 22 anni, è legato sentimentalmente ai colori biancocelesti. Simone ci ha pensato molto bene, non è stato un tradimento. Ci sono dei cicli naturali che prima o poi sono destinati a chiudersi. Conosco molto bene Simone da dire che anche un solo fischio lo ferirebbe, è un fratello per me. È una persona sicura di sé ma anche molto sensibile».

GIOCATORE IMPORTANTE PER INZAGHI – «Sento dire Edin Dzeko, sicuramente importantissimo, in questo momento però penso ai tre centrali difensivi, soprattutto Stefan de Vrij e Milan Skriniar».