Porto-Juventus streaming gratis e diretta TV: come vederla

Porto-Juventus Streaming gratis e diretta TV
© foto Porto-Juventus Streaming gratis e diretta TV

Porto-Juventus Streaming gratis e diretta TV: partita di andata degli ottavi di finale di Champions League in programma il 22 febbraio alle ore 20.45. Partita non in chiaro, ecco come vederla in diretta su Mediaset Premium, in Streaming gratis, Rojadirecta e Rsi La2

Oggi, mercoledì 22 febbraio, all’Estadio Do Dragao di Porto (Portogallo) si disputerà il match Porto-Juventus, partita di andata degli ottavi di finale di Champions League. Il match non sarà però trasmesso in chiaro da Canale 5, scelta adottata anche per Real Madrid-Napoli. Porto-Juventus sarà trasmessa in diretta tv sulle frequenze di Mediaset Premium. Ecco dunque tutte le informazioni su per seguire la diretta di Porto-Juventus in TV: l’orario, dove vedere lo streaming gratis del match di questa sera di Champions League. Il cammino stagionale di Porto e Juventus è stato fin qui molto simile. Nelle 35 partite disputate finora, Il Porto è stato sconfitto solo 4 volte, segnando 62 gol e subendone 17. In campionato è al secondo posto con 53 punti alle spalle del Benfica. Juventus invece è saldamente in testa al campionato italiano a quota 63 punti. In 34 partite i bianconeri sono stati battuti 4 volte. Buone notizie per i bianconeri: la Juventus ritrova infatti Chiellini e Barzagli che hanno recuperato dai relativi acciacchi fisici e sono stati convocati dal tecnico bianconero Allegri. Presente anche Pjanic, out con il Palermo per un problema fisico. Il grande assente della serata sarà Bonucci, out per provvedimento disciplinare della società. Ma veniamo ora a come vedere Porto-Juventus in diretta TV e in Streaming.

Porto-Juventus Streaming gratis e diretta TV su Mediaset Premium: ecco dove vederla in Streaming, Rojadirecta e Rsi La2

Il match in programma stasera all’Estadio Do Dragao di Oporto tra Porto e Juventus sarà visibile solo a pagamento. Mediaset, proprietaria dei diritti televisivi della Champion League 2016-17, ha deciso che questa settimana trasmetterà in chiaro il match tra Manchester City e Monaco. Il match Porto-Juventus, in programma stasera alle 20.45 sarà trasmesso solamente sulle frequenze di Mediaset Premium. Non esistono metodi legali per seguire la partita in streaming gratuito o gratis in altro modo. Porto-Juventus verrà trasmessa in diretta su Mediaset Premium Sport e su Mediaset Premium Sport HD (Premium Sport canale 370 e Premium Sport HD canale 380). Per gli abbonati al calcio streaming, la partita è visibile all’indirizzo play.mediasetpremium.it. Per vedere Porto-Juventus in streaming su dispositivi mobili (smartphone o tablet) è possibile scaricare l’app Premium Play disponibile per sistemi Android, iOS e Windows Mobile. L’altra partita della serata, che vede il confronto tra il Siviglia e il Leicester di Ranieri, sarà visibile su Mediaset Premium Sport 2 e su Mediaset Premium Sport 2 HD, sempre alle 20.45. Per i fortunati che vivono nelle provincie del Piemonte e Lombardia più vicine alla Svizzera ci sarà la possibilità di vedere Porto-Juventus in chiaro sul canale elvetico RSI La 2. Ecco inoltre la lista dei siti aggiornati su cui è possibile vedere il calcio streaming: Calcio Streaming gratis. Se invece avete intenzione di seguire Porto-Juventus in streaming su Rojadirecta vi consigliamo questo link: Rojadirecta. Chi è impossibilitato a vedere la partita perché impegnato alla guida o perché sprovvisto di televisore, potrà ascoltare la radiocronaca di Porto-Juventus collegandosi su Rai Radio 1.

Porto-Juventus Streaming gratis e diretta TV su Mediaset Premium: convocati e probabili formazioni

Questo è l’elenco dei giocatori convocati da mister Allegri per la trasferta di Oporto dove stasera si giocherà la partita di andata degli ottavi di finale di Champions League tra Porto e Juventus: Buffon, Chiellini, Benatia, Pjanic, Khedira, Cuadrado, Marchisio, Higuain, Alex Sandro, Barzagli, Mandzukic, Lemina, Bonucci, Pjaca, Dybala, Asamoah, Dani Alves, Rugani, Neto, Lichtsteiner, Sturaro, Rincón, Audero. La squadra è atterrata all’aeroporto Francisco Sá Carneiro di Oporto martedì alle 16 40 ora locale (17 40 in Italia) ed un’ora dopo mister Allegri e capitan Buffon si sono presentati alla conferenza stampa (con il ds Marotta in prima fila). Il tema scottante è quello relativo alla situazione di Bonucci, che verrà relegato in tribuna, in virtù del comportamento tenuto al momento della sostituzione nell’ultima partita di campeonato Serie A Tim 2016-17 (Juventus-Palermo 4-1). Dopo la conferma dell’accantonamento in tribuna di Bonucci, non ci dovrebbero essere grandi novità per quanto riguarda la formazione della Juventus. Allegri confermerà l’impostazione tattica che da un mese a questa parte sta dando ottimi risultati. Al centro della difesa, visto le precarie condizioni di Chiellini, dovrebbero giocare Benatia e Rugani, affiancati sulle fasce da Lichtsteiner e Alex Sandro. Il centrocampo sarà sorretto da Khedira e Pjanic, che dovranno supportare le azioni del trio fantasia Cuadrado, Dybala, Mandzukic. Davanti a tutti la punta di diamante Gonzalo Higuain. Squadra al completo quella del Porto, che potrà schierare la formazione migliore possibile. Ecco le probabili formazioni:

PORTO (4-4-2): Casillas; Maxi Pereira, Felipe Augusto, Marcano, Telles; André André, Danilo Pereira; J.Corona, André Silva, Francisco Soares, Brahimi. Allenatore: Nuno Espirito Santo.
JUVENTUS (4-2-3-1): Buffon; Lichtsteiner, Benatia, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanić; Cuadrado, Dybala, Mandzukić; Higuaín. Allenatore: Allegri.

Porto-Juventus Streaming gratis e diretta TV su Mediaset Premium: la questione Bonucci

Grande scalpore in casa Juventus per le scelte di Allegri. Bonucci andrà in tribuna con il Porto a causa della lite con il tecnico. Il difensore è molto deluso dalla decisione del tecnico e in un primo momento ha pensato a un addio immediato. Nei prossimi giorni ragionerà a mente più fredda. Il difensore è da tempo nelle mire di Chelsea e Manchester City: Conte e Guardiola potrebbero tornare all’assalto, sfruttando l’impasse. Allegri ha deciso che si multerà per il diverbio con Bonucci nella partita con il Palermo di venerdì. Il tecnico vuole che la Juventus dia l’esempio e vuole essere il primo a farlo, tanto che sarà sanzionato per quel battibecco. Bonucci dunque finirà in tribuna contro il Porto. Il difensore è rimasto sorpreso dalla vicenda: ieri è arrivato infatti con cinque minuti di ritardo all’allenamento. Era abbastanza nervoso e non si aspettava questo trattamento soprattutto in virtù del recente periodo delicato passato in famiglia. Il rapporto tra lui e Allegri non è mai decollato ma ora è ai minimi storici.

Sulla questione è intervenuto anche l’ex allenatore della Juve, Giovanni Trapattoni, che ha detto la sua in attesa della partita al Do Dragao: E’ una sfida tra due squadre di qualità, ma la mentalità italiana sono convinto che potrà prevalereIn genere le squadre portoghesi e le spagnole hanno un concetto tecnico, più che tattico, che le rende abbastanza vulnerabili. La lite Allegri–Bonucci? E’ successo anche a me, in conferenza stampa e pubblicamente. La mia frase su Strunz è abbastanza famosa. Ad ogni modo mi sembrano polemiche superficiali messe in piedi da chi non conosce le situazioni di spogliatoio”.

Porto-Juventus Streaming gratis e diretta TV su Mediaset Premium: la Juve cerca club satelliti in Portogallo

La squadra bianconera è alla ricerca di una società in terra lusitana dove far crescere a basso costo i talenti sudamericani. In Portogallo ad esempio si possono avere sei extracomunitari in rosa, questo faciliterebbe la Juventus qualora ci fosse la possibilità di prendere un giocatore giovane e interessante in Brasile o Argentina: in Portogallo potrebbe giocare con più continuità e ambientarsi meglio nel calcio europeo, vista la colonia di sudamericani presente nella Primeira Liga. I costi poi sarebbero minori per i bianconeri, che potrebbero prendere giocatori spendendo meno. E’ stato proprio il Porto la fonte di ispirazione per la Juventus, che ha in mente di controllare una società proprio come vuole fare Suning per l’Inter. Nel caso dei nerazzurri si tratta del Gil Vicente, per quanto riguarda la Juve invece non sono ancora stati fatti nomi a riguardo ma la volontà dei bianconeri è quella di prendere un club di prima divisione o che comunque possa giocare nelle serie superiori.

Porto-Juventus Streaming gratis e diretta TV su Mediaset Premium: le dichiarazioni dei bianconeri

A mettere in guardia i bianconeri è il grande ex del match Alex Sandro. Il terzino brasiliano ha rilasciato alcune dichiarazioni sui canali social della vecchia Signora spiegando come la partita non vada presa sotto gamba: “Il Porto è una squadra che lotta fino alla fine, non è mai facile giocare contro di loro soprattutto in casa perchè hanno molti giocatori di ottimo livello che non mollano un centimetro fino al novantesimo. Noi comunque siamo pronti e giocheremo per vincere come sempre, vogliamo arrivare in fondo alla competizione». Sul suo arrivo alla Juventus: «Passare alla Juve è stato un grande salto di qualità per me, come quelli fatti in precedenza. Ogni esperienza mi ha dato tanto come sta accadendo ora qui a Torino. A Oporto mi sono rimasti molti amici spero che vincano la Primera Liga. Sarò felice di rivederli ma quando inizierà la partita ognuno difenderà i suoi colori”.

Queste le parole pronunciate da Allegri in conferenza stampa: “Sono cose che capitano nel corso di una stagione. Ho parlato con il giocatore, tutto è chiarito, ma per rispetto a società, squadra e tifosi domani Leo andrà in tribuna. Dal canto mio, per lo stesso motivo, siccome anche io devo essere da esempio specie per i più piccoli, la prossima settimana farò una donazione a un ente di cui vi farò sapere il nome”(Ricordiamo che Allegri stesso si era automultato). La questione del difensore si chiude con un “Servirà per il futuro: Bonucci sa bene di essere un giocatore molto importante per la Juventus”. Chiuso il capitolo Bonucci, si è parlato del tema principale, ovvero la partita con il Porto: ”Domani saranno aggressivi, devono segnare, ma anche in casa sono capaci a non perdere solidità: saranno 180 minuti per niente semplici, fra le seconde il Porto è la peggiore avversaria che ci potesse capitare, hanno un bravo tecnico che ha dato equilibrio. Noi, dal canto nostro, dovremo giocare con attenzione, spensieratezza, coraggio e con la consapevolezza che in trasferta dobbiamo segnare”. Subito dopo il mister predica mantener alta la concentrazione: “Questo è il momento della stagione in cui serve la giusta tensione per diventare leggenda in campionato e arrivare in fondo a Champions League e Coppa Italia: dobbiamo essere tutti uniti, insieme, abbiamo tante partite ancora davanti a noi”. Per finire chiude con un’anticipazione sulla probabile formazione: “Saranno della partita Cuadrado, Higuain, Dybala, Mandzukic e Pjanic”.

Queste invece sono state le principali affermazioni di Gigi Buffon: “Siamo in un momento molto buono, ma siamo consapevoli sia dell’importanza della gara che del valore dei nostri avversari. Sappiamo che il Porto da anni centra i suoi obiettivi europei, gioca per arrivare in fondo alle competizioni cui prende parte, quindi gode del nostro massimo rispetto: ci dovremo guadagnare la qualificazione”Buffon ha poi parlato della concentrazione della squadra: “Non abbiamo bisogno di ricordare a noi stessi di restare concentrati: abbiamo sempre approcciato a ogni gara e a ogni turno con la stessa serietà, mettendo da parte qualsiasi presunzione: questo è l’unico metodo che io conosco per arrivare lontano in queste competizioni; il singolo, da noi, si mette sempre a disposizione della squadra per la ricerca del successo”. La chiusura del capitano non poteva che riguardare il suo grande amico-rivale Iker Casillas, portiere del Porto, ed avversario di tante battaglie tra Juventus e Real Madrid: “Sono felicissimo di rivederlo: è un amico, un avversario che ho stimato e stimo tantissimo ha fatto una scelta scomoda, quella di mettersi in discussione: gli e ci auguro due grandi partite”.

Gonzalo Higuain ha dichiarato: “Mi fa piacere sapere che sono stato preso per vincere la Champions League. Possiamo arrivare in fondo, dobbiamo rimanere sereni”, dice l’argentino, che proverà ad andare avanti in coppa contro il Porto. Col Napoli al Dragao venne eliminato. Ritroverà Casillas con cui giocò al Real Madrid e che reputa alla stregua di Buffon. A proposito di Buffon, il Pipita loda la sua capacità di allenarsi sempre al massimo nonostante l’età e i successi, una prerogativa della Juve: “Penso sia vero che vincere è l’unica cosa che conta qui, tutto fa sì che un giocatore possa pensare solo a dare il meglio sul campo. Qui sono felicissimo, ho fatto la scelta giusta». Il nuovo modulo lo esalta, ma Higuain pensa sia un caso anche se in sei gare ha già segnato sei gol. Lo smarcamento dal difensore è fondamentale nell’ottica dell’ex napoletano, ritiene di aver imparato moltissimo nelle annate a Madrid e adesso mette a punto i suoi studi. Adesso ha a fianco il connazionale Paulo Dybala, con cui sogna in grande. “Dicono sia il nuovo Messi ma odio i paragoni. Può diventare tra i migliori al mondo. Non so se siamo la coppia più forte in Europa, so che possiamo arrivare in finale”, chiude Higuain.

Porto-Juventus Streaming gratis e diretta TV su Mediaset Premium: obiettivi di mercato a Porto

La sfida tra Porto e Juventus sarà utile ai bianconeri anche per il calciomercato. Otavio, Yacine Brahimi, André Silva e Hector Herrera sono quattro giocatori che militano nel Porto e la Juventus ha messo gli occhi su di loro. André Silva è l’attaccante del Porto e della nazionale portoghese. Si parla un gran bene di lui da mesi e nessun under 21 ha segnato così tanto in Europa. Il problema è il prezzo perché il giovane ha una clausola di rescissione da sessanta milioni di euro, anche se l’ingaggio di Tiquinho a gennaio gli ha tolto un po’ di spazio e quindi la cifra è trattabile. Anche il Real Madrid si è messo sulle sue tracce e per la Juventus potrebbe diventare un avversario molto temibile. Un altro gioiello dei Dragoes che piace alla Vecchia Signora è il brasiliano Otavio, che gioca come centrocampista offensivo. Anche in questo caso è la concorrenza a spaventare perché si dice che il Borussia Dortmund sia a un passo dal giocatore. Anche Herrera è nella lista dei desideri di Giuseppe Marotta, il centrocampista 26enne è un’opzione per la linea mediana del futuro. Yacine Brahimi è un’idea per il reparto offensivo. I rapporti tra Juventus e Porto sono buoni e le due squadre hanno già fatto affari in passato.

Porto-Juventus Streaming gratis e diretta TV su Mediaset Premium: la conferenza stampa del Porto

Vigilia della partita di andata degli ottavi di finale di Champions League tra Porto e Juventus: un’ora prima della conferenza stampa di Allegri e Buffon hanno parlato il tecnico dei lusitani, Nuno Espirito Santo e il giocatore più rappresentativo del Porto, l’attaccante André Silva. Queste le parole pronunciate dal tecnico: “La Juve è una grande squadra, ma il Porto vuole vincere. Siamo cresciuti molto da inizio stagione, inoltre i nostri tifosi qui allo stadio Do Dragao saranno una nostra arma in più, ci appoggeranno per cercare il successo”. Successivamente spiega come potrà il Porto ottenere la vittoria nella doppia sfida contro i bianconeri: “Una buona fase difensiva, che coinvolga tutta a squadra, partendo dagli attaccanti. E poi, ovviamente, impegno e rigore: abbiamo 180 minuti a disposizione, siamo una squadra giovane e unita, siamo cresciuti anche fisicamente. Vogliamo vincere, vogliamo andare oltre, avanti in tutte le competizioni cui partecipiamo”. In chiusura le parole dell’attaccante André Silva: “Riuscirò a segnare a Buffon? Io lavoro con Casillas, un grande portiere. Lui e Buffon sono due grandissimi portieri. Se riuscirò a segnare sarò felice, ma tutta la squadra gioca per fare gol. Abbiamo studiato bene la Juventus, abbiamo un grande attacco e il risultato lo vedremo solo al termine del match. Juventus con tre centrali? Noi siamo grandi calciatori, siamo capaci a cambiare ed a reagire. Quando le cose mutano, cambiamo anche noi. Siamo sicuri che vinceremo”.

Danilo Pereira, centrocampista del Porto, ex calciatore del Parma, in vista della sfida di Champions League contro la Juventus ha dichiarato: “L’avventura a Parma? Sono stati anni duri, dovevo cambiare squadra e nazione ogni sei mesi, cercando qualcuno che mi facesse giocare. Ma questa è la vita. Posso dire, però, che se non fosse stato per le esperienze fatte in Italia, ora non sarei qui. Con Marino non ho mai giocato, Colomba almeno mi fece esordire, ma devo ringraziare Donadoni. E’ stato l’unico a dirmi cosa facevo bene e cosa sbagliavo. Durante quell’avventura, fu Crespo quello a starmi più vicino. Se stavo male, faceva di tutto per farmi stare bene. Su cosa puntiamo in vista della Juventus? Sulla nostra difesa. Lavoriamo molto bene sotto questo aspetto. In avanti poi abbiamo dei giovani che possono fare la differenza. La vera forza, in ogni caso, è la nostra amicizia. Porto e Juventus, comunque, sono due realtà troppo diverse: noi vendiamo i migliori per andare avanti, loro comprano chi vogliono. Do Dragao arma in più? E’ vero, l’ambiente farà la differenza anche mercoledì. L’ha fatta tante volte, per esempio con la Roma. Noi giochiamo ogni partita come se fosse l’ultima”.

“Ricordo la partita in Champions rinviata per l’11 settembre – racconta il presidente del Porto, Pinto da Costac’era empatia tra le due dirigenze in un momento tristissimo. Sono due società amiche e sarà un piacere affrontarci di nuovo. Sul mercato ricordo l’affare Rui Barros organizzato da me, Boniperti e Zoff. Poi Alex Sandro: trattative amichevoli con massimo rispetto. Cosa deve temere la Juve? Lo staff di Allegri lo sa, ci conosce perfettamente. Abbiamo giocatori che hanno davanti grandi carriere: attenti ad André Silva, Danilo, Rui Pedro, Otavio, Corona, Ruben Neves, Alex Telles, Herrera, Brahimi. Che stiano con noi o vadano altrove, faranno strada. Siamo migliorati, sia noi che la Juve. Da questa stagione abbiamo un nuovo coach e questo ha ovviamente portato cambiamenti, ma adesso siamo molto più equilibrati. Se siamo stati in grado di eliminare la Roma da sfavoriti, anche stavolta possiamo mostrare coraggio e qualità. La Juve può vincere la Coppa, ma anche noi possiamo vincere in questo turno”.

Porto-Juventus Streaming gratis e diretta TV su Mediaset Premium: parla l’ex bianconero Rui Barros

Rui Barros è uno dei grandi ex della sfida tra Porto e Juventus. Barros, 60 presenze e 14 gol all’attivo con la maglia della Juventus, club con cui ha vinto una Coppa Italia e una Coppa Uefa, è attualmente il vice-allenatore di Nuno Espirito Santo sulla panchina del Porto: “Il nostro obiettivo è di andare più lontano possibile e le chance di passare il turno sono 50 e 50. Abbiamo già esperienza a questi livelli: adesso conta solo il campo e non ci sono favoriti. Sarà una doppia sfida intensa, che affronteremo con grande responsabilità: lotteremo con le nostre armi, che non sono poche”, afferma Rui Barros ai microfoni. Prosegue: “E’ tornata la Vecchia Signora che conoscevo io: una squadra fantastica, all’altezza della sua grande storia. Punti deboli Juve? Sinceramente non molti, l’abbiamo studiata a fondo in questi due mesi: è completa, con 20 giocatori forti. Sarà importante vincere e, se possibile, non subire gol. Sappiamo che sarà dura, ma non è una missione impossibile. Abbiamo fiducia, lotteremo alla pari e faremo di tutto per passare il turno”.

Porto-Juventus Streaming gratis e diretta TV su Mediaset Premium: i precedenti

Sono 3 i precedenti tra Porto e Juventus: il primo risale alla finale di Coppa delle Coppe, giocata a Basilea il 16 maggio 1984, con vittoria dei Bianconeri per 2-1 (reti di Vignola e Boniek per la Juventus e di Sousa per i lusitani). Le altre due partite risalgono alla stagione 2001-02, nella fase a gironi della Champions League: in Portogallo il match si concluse sullo 0-0, mentre al Delle Alpi di Torino i Bianconeri di Marcello Lippisi imposero per 3-1 con reti di Del Piero, Montero e Trezeguet, che ribaltarono il vantaggio iniziale di Clayton. Buffon è l’unico tra i giocatori di quella partita ad essere ancora in rosa. Da notare che le italiane non vincono ad Oporto dal 1995, quando la Sampdoria vinse la partita di ritorno dei quarti di finale di Coppa delle Coppe 1994-95, imponendosi per 1-0 con gol di Mancini, e passando in semifinale grazie ai rigori.

Porto-Juventus Streaming gratis e diretta TV su Mediaset Premium: l’arbitro del match

Porto-Juventus sarà arbitrata dal tedesco Felix Brych, internazionale dal 2007, coadiuvato dai connazionali Mark Borsch e Stefam Lupp, come guardalinee, Marco Fritz e Bastian Dankert, come addizionali di porta, e Rafael Foltyn come quarto uomo. Brych ha arbitrato la Juventus in altre 2 occasioni, sempre in Champions League: Atletico Madrid-Juventus 1-0 il 1 ottobre 2014 e Juventus-Manchester City 1-1 il 25 novembre 2015.

Porto-Juventus Streaming gratis e diretta TV su Mediaset Premium: pronostico e quote Snai-Bwin

Senza ombra di dubbio la Juventus è una delle candidate per la vittoria finale della Champions League 2016-17. Tuttavia, per la partita d’andata ad Oporto, le quote la danno favorita ma con premi abbastanza elevati. Sul sito Snai la vittoria dei bianconeri è quotata 2.30 con il pareggio che paga 3.15 e la vittoria del Porto quotata a 3.40. Molto simili le quote Bwin: il Porto vincente paga 3.40, il pareggio 3.20, e la vittoria juventina viene premiata con 2.35. Juventus leggermente favorita, ma quote abbastanza interessanti.