Connettiti con noi

Hanno Detto

Ranieri: «Senza Lukaku Serie A più povera. Juve in pole. Il mio ritiro? Non è contemplato»

Pubblicato

su

Ranieri

Claudio Ranieri ha parlato a La Gazzetta dello Sport del prossimo campionato di Serie A, a una settimana dal via

Claudio Ranieri ha parlato a La Gazzetta dello Sport del prossimo campionato di Serie A. Le sue parole.

INTER – «L’addio di Conte è stato il segnale di quello che sarebbe accaduto. Via Conte, Hakimi e Lukaku: in due mesi l’Inter ha smontato la squadra dello scudetto».

LUKAKU – «È andato via un punto riferimento fondamentale. Lukaku non è solo una forza della natura e un cannoniere di livello mondiale: era anche una delle pedine essenziali del gioco interista. Per Inzaghi è un inizio in salita, ma Simone è bravo. Mi aspetto una reazione importante. Serie A che ci perde? Certo e non è bello per il nostro movimento».

CRISI – «Penso che le società debbano essere oneste con i tifosi e dire: la nostra industria è in difficoltà, per superarla puntiamo sui giovani. Occorre un messaggio totale, di sistema. Credo che il popolo del calcio, con milioni di cittadini toccati in profondità dalla pandemia, capirebbe. Inutile affermare “voglio vincere”, promettere mari e monti e poi deludere le attese delle persone».

POLE SCUDETTO – «La Juventus. Il ritorno di Allegri ha una sua logica. Credo che a Max non si chieda di vincere la Champions, ma di porre le basi di un rilancio e lui rappresenta una garanzia».

DIETRO LA JUVE – «Milan e Atalanta. Il Milan ha un progetto di crescita avviato. Ha preso Giroud, un centravanti di statura internazionale. Mi auguro che torni ad alti livelli Ibrahimovic, un fuoriclasse che pretende sempre il meglio da se stesso e dai suoi compagni. L’Atalanta ha certezze consolidate: il calcio di Gasperini, un presidente super intelligente che non carica mai la piazza, una società abilissima nella scelta dei giocatori. Quando perdono un campione, sanno come rimpiazzarlo. C’è un enorme lavoro di analisi e di scouting. L’Atalanta è un club modello».

DIETRO A QUESTO TRIO – «Il Napoli, con il ritorno di Spalletti, mi intriga. Insigne viene da uno splendido Europeo: è il leader consacrato. Il Napoli ha dimostrato nella gestione di Gattuso di essere solido: lotterà per la Champions. La Roma è partita benissimo perché ha preso un allenatore vincente dall’oggi al domani, fatto più unico che raro in una piazza come questa. Ora però mi pare che Mourinho non sia stato accontentato. Sono stati acquistati Rui Patricio, Vina e Shomudorov, ma manca qualcosa anche se il vero colpo, senza nulla togliere agli altri, potrebbe rivelarsi il ritorno di Zaniolo dopo quasi due anni di tormenti. Mourinho è un condottiero: sono sicuro che con José anche la Roma lotterà per entrare in Champions».

LAZIO – «Il calcio di Sarri non s’inventa da un giorno all’altro. Bisogna dare a Maurizio il tempo giusto per cambiare pelle a una squadra che aveva memorizzato idee e sistemi di Simone Inzaghi».

SORPRESE – «Bologna, Fiorentina, Torino e Cagliari hanno storia e titoli. Mi aspetto qualcosa di interessante: Italiano a Firenze mi incuriosisce».

GIOCATORE SORPRESA – «Zaniolo. Il suo ritorno al top è importante per la Roma e per la Nazionale».

MESSAGGIO LASCIATO DALL’ITALIA – «Giocare a viso aperto e sapersi adattare alle situazioni. Mancini è stato bravo perché ha fissato un obiettivo chiaro alla squadra: proviamo a vincere il titolo. Ha avuto ragione».

FUTURO DI RANIERI – «Aspetto. La voglia è sempre fortissima. La parola ritiro non è contemplata nel mio vocabolario».

GREEN PASS – «Sono favorevole. Dobbiamo essere tutti consapevoli che il virus è ancora in circolo e bisogna dare il massimo per proteggere le nostre vite ed evitare di chiuderci di nuovo».