Sacchi-Juventus, è ancora polemica: «Calcio di trenta anni fa»

sacchi
© foto www.imagephotoagency.it

Sacchi-Juventus, è ancora bufera. L’ex allenatore del Milan critica duramente lo stile di gioco della squadra di Allegri dopo il pari per zero a zero col Barcellona che significa semifinali di Champions League

Tra Arrigo Sacchi e la Juventus non corre proprio buon sangue, l’ex allenatore del Milan in passato ha avuto modo di mandare qualche stilettata ai bianconeri e ieri è tornato alla carica. Nonostante il pari per zero a zero col Barcellona e il passaggio del turno, Sacchi ha criticato lo stile di gioco della Vecchia Signora. «Ho visto la partita tra Real e Bayern, la squadra di Ancelotti giocava su un campo difficilissimo ma ha affrontato la partita a viso aperto e ha cercato di imporre la propria manovra, penso sia stata una partita straordinaria. Nella sfida del Camp Nou invece ho visto una squadra come la Juventus che ha adottato una tattica difensiva, praticando il calcio del passato, un calcio di trenta anni fa. Non avevo dubbi, sapevo che il Barcellona non ce l’avrebbe fatta a fare un’altra rimonta, ma forse sopravvaluto la Juventus quando dico che dovrebbe giocare in un’altra maniera. Per giocare in questo modo però serve una costanza straordinaria e soprattutto c’è bisogno di un’attenzione incredibile. Non è facile ed è faticoso, questo lo so bene. I bianconeri sono fortissimi e reputo Allegri un bravo allenatore, ma mi aspettavo qualcosa di diverso. Hanno giocato all’ottanta o novanta per cento in difesa e solo al dieci per cento in attacco» è quanto ha detto Sacchi in diretta tv a Premium.