Torino, Ansaldi elemento fondamentale: potrebbe tornare in fascia

Torino, Ansaldi elemento fondamentale. Potrebbe tornare in fascia
© foto www.imagephotoagency.it

Cristian Ansaldi si è dimostrato un valore aggiunto per il Torino. Nelle ultime 3 partite schierato a centrocampo sorprende Mazzarri. I dettagli

Ansaldi, normalmente terzino, chiamato nelle ultime gare del Torino a ricoprire il ruolo di mediano, in una situazione di emergenza. La risposta? Ansaldi si è fatto trovare pronto e questo ha fatto di sé un valore aggiunto al club. Affrontando squadre come Roma, Inter (vincendo pure) e Spal non solo si è sacrificato ma è riuscito a fare una prestazione ottimale. Contro l’UdineseMazzarri potrà contare su due giocatori importanti come Meité e Baselli quindi Ansaldi potrebbe tornare nel suo ruolo naturale. Ruolo che esprime al 100%, infatti grazie alle sue qualità e alla capacità di fare incursioni sulla fascia, crossando sia di destro che di sinistro, aumenta il carico in fase offensiva e può essere più decisivo rispetto ad Aina e De Silvestri. Un punto in più per Ansaldi è il fatto di riuscire a crossare precisamente per la punta Belotti e quindi di sfruttare meglio le tattiche della squadra.

In ogni caso l’allenatore in questo periodo ha nutrito un senso di stima verso Ansaldi da far invidia ai compagni. Un giocatore su cui puoi contare sempre e che con questa mossa sta diventando uno dei giocatori chiave del club. Contro l’Udinese non può che non essere titolare, ovviamente, indifferentemente dal ruolo in cui giocherà. Cristian Ansaldi è un classe 86′, cresciuto in Argentina, dove ha esordito. Preso successivamente dal Rubin Kazan, squadra russa. Passato poi in prestito all’Atletico Madrid per poi finire in Italia al Genoa. Acquistato dall’Inter nel 2016 ed attualmente ancora di loro proprietà è finito in prestito a 2 anni al Torino il 31 Agosto 2017 con obbligo di diritto di riscatto fissato a 4 milioni di euro. Clausola che sicuramente verrà pagata se Ansaldi continuerà con queste prestazioni.