Connettiti con noi

News

Bortolo Mutti: «Coronavirus? Sono state fatte delle valutazioni con leggerezza»

Andrea Cerrato

Pubblicato

su

Bortolo Mutti ha rilasciato una lunga intervista ai nostri microfoni: queste le sue parole sull’emergenza Coronavirus in Italia

Bortolo Mutti ha rilasciato una lunga intervista ai nostri microfoni, queste le parole dell’ex tecnico dell’Atalanta sull’emergenza Coronavirus in Italia.

CLICCA QUI PER LEGGERE L’INTERVISTA INTEGRALE 

Lei crede che il virus sia stato sottovalutato in Italia e ci si poteva fermare prima a livello sia di sport che di attività generali?

«Sicuramente sono state fatte delle valutazioni con leggerezza, senza la tempistica e la decisionalità che ci volevano. Purtroppo siamo stati impreparati tutti, a livello politico e sanitario. Reperire le mascherine, le bombole d’ossigeno e i respiratori è stato difficilissimo. Poi, per carità, gli sforzi fatti sono stati disumani: a dottori e infermieri va riconosciuto un grandissimo spirito di sacrificio».

La situazione sta migliorando a Bergamo dopo settimane a dir poco difficili?

«I numeri sono abbastanza confortanti e si sentono meno ambulanze. Sono 3-4 giorni che la situazione sembra stia piano piano rientrando. Prima era devastante, anche a livello psicologico. Sembrava una guerra, un casino. Al giorno d’oggi vedere le immagini dei carri militari con le bare dentro è raccapricciante. È chiaro che si reagirà, i bergamaschi sono pronti a ripartire anche se è stata una prova pesante a livello umano. Una generazione di nonni è stata decimata, è un peccato perchè si poteva limitare questa eccezionalità».

Advertisement