Buffon sfiora la leggenda: «L’obiettivo è smettere soltanto quando verrò rimpianto»

gigi buffon
© foto www.imagephotoagency.it

Gigi Buffon, estremo difensore della Juventus, è stato grande protagonista nel corso di Monaco-Juventus

Buffon ha detto la sua sulla sfida dello Stade Louis II ai microfoni di Premium Sport: «Sono tra i pali della Juventus per parare, ogni volta devo dimostrare di valere questo livello nonostante la carta d’identità. L’obiettivo è smettere di giocare e che tutti dicano “peccato, abbia smesso”. Non so se sono già sulla buona strada, ma sto lavorando per questo. E’ chiaro che giocare in una squadra simile mi aiuta anche. Più difficile la parata su Iniesta o quella su Mbappè? Non ho idea perché non le ho riviste, quindi non posso giudicare con precisione. La cosa importante è farsi trovare pronto quando la squadra ne ha bisogno, mi reputo soddisfatto e felice finchè ci riesco. La squadra penso che abbia fatto una buona partita, il tipo di gara che dovevamo fare per uscire vincitori, senza subire gol, da Monaco. L’obiettivo è migliorarci ancora: si lavora e ci si allena ogni giorno per questo. A molti di noi è rimasto poco tempo e dobbiamo sfruttarlo per fare ulteriori step in avanti. Mi manca il Pallone d’Oro? Non mi manca perchè è una cosa alla quale non penso. Sono qua e spreco già tante energie per mantenermi in condizione e performare in maniera tale da essere di aiuto per i miei compagni. Non c’è cosa più bella di lavorare nel bel mezzo di sentimenti soddisfacenti».