Catania e Lotito a rischio: gli scenari

© foto www.imagephotoagency.it

Squalifica per il patron della Lazio? Rischio Serie D per gli etnei

In fondo all’ordinanza firmata dal gip Sebastiano Di Giacomo Barbagallo è spuntato anche il nome di Claudio Lotito. La questione è grave, al pari delle possibili conseguenze: slealtà o persino illecito, anche solo tentato, sono le ipotesi più concrete per il presidente della Lazio e consigliere Figc. Stando a quanto riportato da La Gazzetta Sportiva, Lotito rischia una lunga squalifica: «Pulvirenti e Cosentino (l’a.d. del club, ndr), in evidenti ambasce per la difficile situazione di classifica della squadra, ebbero a rivolgersi a Claudio Lotito con il quale si registrano numerosi contatti, precedenti e successivi la partita con l’Avellino, e al quale, espressamente, Cosentino riconosceva il merito di averne, in qualche modo, condizionato il risultato, ipotesi questa che la successiva attività investigativa non ha confermato e che tuttavia cozza logicamente con l’eventuale – ma alternativa – consapevolezza dei predetti di aver conseguito l’obiettivo tramite l’attività degli intermediari ai quali in seguito ebbero a rivolgersi sistematicamente», recita l’ordinanza. Si mette male, dunque, per Lotito, che rischia l’accelerata per il deferimento sul caso Iodice; potrebbe muoversi anche la Procura di Napoli, che lo sta indagando per estorsione. Lotito è stato, infatti, accusato di influenzare i campionati di lega Pro, facendo pressione sui club.

IN SICILIA – Non se la passa meglio il Catania: dalle intercettazioni è emerso un quadro drammatico. Ora il club etneo ha davanti a sé un futuro nero, a prescindere dallo scandalo. Come evidenziato da Tuttosport, il Catania sarebbe in ritardo con i pagamenti degli stipendi da almeno quattro mesi e martedì scadono i termini per l’iscrizione in Serie B. Lo scenario è complesso, del resto la giustizia sportiva sta facendo il suo corso: il rischio è di ripartire, come il Parma, dalla Serie D.