Champions League, Borussia Dortmund bello e vincibile: il Benfica, per ora, ringrazia…

aubameyang borussia dortmund
© foto www.imagephotoagency.it

La sconfitta del Borussia Dortmund sul campo del Benfica nell’andata degli ottavi di Champions League dopo una partita dominata lascia spazio alle riflessioni in casa giallonera. Aubameyang, che combini?

Una serata stregata. Così si può riassumere quanto vissuto dal Borussia Dortmund sul campo del Benfica nell’andata degli ottavi di finale di Champions League giocata ieri. Davanti ai 55mila spettatori del ‘da Luz’ di Lisbona, l’armata giallonera di Tuchel inciampa dopo una partita sostanzialmente dominata. Il brio e la velocità dei gialloneri non hanno avuto la meglio sul pragmatismo del Benfica di Rui Vitoria. Il calcio bello da vedere dei tedeschi ha sbattuto ripetutamente contro il difensivismo portoghese, sorretto da un eccezionale Ederson tra i pali. Dembelé, Reus e Aubameyang non sono bastati ad un Dortmund che di uscire battuto dalla casa del Benfica proprio non ne voleva sapere. Partita crudele, ma quanti errori. Come quello dal dischetto proprio di Aubameyang, sprecone come non mai in una notte da dimenticare. Al Benfica il primo round di un ottavo di finale che ha emozionato: Luisao, alla sua 500esima partita con la maglia delle ‘Aquile’ (premiato e in lacrime prima della gara), ha messo il suo zampino nella rete vittoria; il suo stacco imperioso in area è stato l’assist perfetto per la rete di Mitroglou da due passi. Ora, in casa Dortmund, Tuchel dovrà forse rivedere qualcosa: il suo Borussia incanta, segna tanto (quasi sempre), ma spesso inciampa; sabato scorso la sconfitta contro il Darmstadt ultimo in classifica in Bundesliga, ieri la caduta, per quanto immeritata, del ‘da Luz’. C’è tempo per recuperare, adesso il passaggio del turno in Champions League diventa l’obiettivo primario per i gialloneri, ormai fuori dai giochi per il titolo in campionato. L’otto marzo il secondo atto contro il Benfica al ‘Westfalenstadion’ (o Signal Iduna Park, da denominazione ufficiale): qui, la squadra tedesca ha perso solo due partite negli ultimi 14 mesi. ‘Operazione rimonta’ contro Rui Vitoria e la sua banda. Due modelli di calcio così diversi sono già pronti a riprendere la battaglia per continuare il proprio cammino nell’Europa che conta.