Chi è Alex Silva

© foto www.imagephotoagency.it

Il terzino destro del Montevideo Wanderers che potrebbe arrivare in Italia

Alex Silva Quiroga, o più semplicemente Alex Silva, è nato a Montevideo, splendida capitale a sud dell’Uruguay che si affaccia sull’Atlantico, il 15 giugno del 1993. Terzino destro, o all’occorrenza esterno di centrocampo, gioca attualmente nel Montevideo Wanderers, club in cui militarono campioni come Enzo Francescoli e Mauro German Camoranesi, che lo ha ingaggiato a titolo gratuito la scorsa estate e milita nella Primera Division Uruguaya. Alex Silva in questa fase di mercato è stato già accostato a Fiorentina e Bologna, con i viola particolarmente attenti alle sue prestazioni, in virtù non solo delle 13 presenze messe a referto durante la seconda parte della stagione, ma anche in virtù dei 630 minuti accumulati dall’alto di 7 presenze in Copa Libertadores, condite da uno splendido gol siglato il 15 marzo scorso nella trasferta di coppa contro il Palestino. Il suo cartellino ha un valore in ascesa e si aggira intorno ai 2 milioni di euro: Alex Silva ha fatto il debutto tra i professionisti nella stagione 2011-2012 con la maglia del Progreso, in passato ha svolto anche una parte di carriera nel settore giovanile del Basanez tuttavia la sua esperienza con il calcio professionistico è ancora molto giovane. 

CARATTERISTICHE TECNICHE – Alex Silva è un terzino destro che ben figura in una difesa a 4, da provare sull’out di sinistra, ma è comunque prezioso per la sua duttilità tattica che ben lo fa figurare anche come esterno di destra in un 3-5-2 o in un 3-4-3, fermo restando che il 4-4-2, il 4-2-3-1 e il 4-3-3 sono i moduli in cui meglio può dare il suo contributo. Terzino destro classe 1993, dotato di un discreto fisico che potrebbe ancora migliorare ( è alto 178 cm), fa del dribbling e della velocità le sue armi migliori, rendendolo così un calciatore utilissimo in ambedue le fasi del gioco e per questo ormai pronto per il grande salto nel calcio in Europa. La sua storia è abbastanza insolita, visto che da bambino ha girato diverse scuole calcio, tra cui quelle di Flor De Maronas, Club Ciclista Fenix, Ciclon de Cerrito e 7 Estrellas, per poi trovare posto solo al Basanez, un’avventura tuttavia durata solo pochi mesi, fino a quattro anni di astinenza dal giocare in un settore giovanile calcistico. Il problema era dato principalmente dalla corporatura gracile del calciatore, sopratutto se rapportato ai coetanei, nettamente più sviluppati dal punto di vista fisico, ragion per cui è stata questa una delle tante motivazioni all’arrivo solo in tarda età al calcio professionistico. Poi, a 17 anni la chiamata del Progreso e il passaggio nel 2014 al Wanderers Montevideo, guadagnandosi il posto da titolare nella seconda parte di stagione dando tutto in campo e fornendo prestazioni che ne hanno fatto immediatamente lievitare il costo del cartellino. 

PREZZO E CONTRATTO – Arrivato praticamente come calciatore svincolato, Alex Silva è in rosa dal 10 luglio 2014, ma solo da pochi mesi ha fatto parte in pianta stabile della prima squadra da titolare, sia in campionato che in Copa Libertadores, ragion per cui la società di Montevideo si sta cautelando sul mercato alla ricerca di trovare un’intesa economica per l’adeguamento del contratto del calciatore. Ma, deve fare attenzione, visto che diversi club italiani, tra cui Fiorentina e Bologna, lo hanno messo sotto osservazione e presto potrebbero presentare un’offerta al club uruguaiano: i Wanderers, a quel punto, potrebbero cosi sfruttare l’effetto asta per guadagnare il massimo dalla cessione del cartellino. La base d’asta partirà da una cifra intorno ai 2 milioni di euro.

A CHI ASSOMIGLIA – Le caratteristiche tecniche, la tarda esplosione, il continente di provenienza ne rendono in tutto e per tutto, se unite alla valutazione ancora esigua del cartellino, simile al profilo di Bruno Peres al momento dell’arrivo del terzino brasiliano al Torino, poi letteralmente esploso durante questa stagione triplicando così l’investimento della società granata. Tuttavia, per quel che concerne il ruolo definitivo tra terzino o esterno di centrocampo sarà quasi sicuramente decisivo il suo prossimo allenatore e il modulo che verrà utilizzato: considerando i vari movimenti delle società di Serie A, oltre alle sopra citate, le possibili partenze di Vrsaljko e Widmer in casa Sassuolo e Udinese, potrebbero presto iscrivere queste due società alla corsa per Alex Silva.