D’Aversa: «L’Atalanta è un modello da imitare. Kulusevski? Alla Juve non faticherà»

© foto www.imagephotoagency.it

Roberto D’Aversa ha parlato in un’intervista al Corriere dello Sport: queste le parole del tecnico del Parma

Roberto D’Aversa, tecnico del Parma, ha parlato in un’intervista al Corriere dello Sport e Tuttosport. Queste le sue parole.

CHAMPIONS – «Nella Final Eight di Champions mi incuriosisce l’Atalanta, è matura e lo ha dimostrato anche nel 2-2 in casa della Juventus. La squadra di Gasperini in una partita secca può essere la mina vagante, anche contro il Psg. I nerazzurri devono essere un modello da imitare anche per il Parma».

KULUSEVSKI – «Alla Juventus non faticherà perchè è completo: ha grandi qualità ma nell’arco della partita arriva a percorrere fino a 12-13 chilometri. Kulusevski è stato il miglior giovane a livello europeo in questa stagione: mai visto un ragazzo uscito dalla Primavera avere un impatto così forte in serie A. Adesso è assimilabile a una Porsche usata, ma ha tutto per diventare una Ferrari».

GUARDIOLA – «L’ho incontrato lo scorso anno in spiaggia a Pescara grazie al suo fedelissimo Estiarte. Ho provato a chiedergli se mi dava Foden in prestito ma non c’è stato verso».

PREMIER LEAGUE – «Mi piacerebbe allenare in Inghilterra. Mi intriga lo stile della Premier, ma sarebbe una bella esperienza a livello umano sia per me sia per la mia famiglia».

MODELLI – «Osservo un po’ tutti. Lo scorso anno ho studiato il Liverpool di Klopp, soffermandomi soprattutto sui movimenti dei tre attaccanti. In passato ho fatto lo stesso con il Napoli di Sarri. L’allenatore abile è quello che capta e si adatta ai propri giocatori. Il “copia e incolla” non funziona. E non esiste allenatore bravo senza materia prima».