Di Biagio zittisce i rumors: «Ultimi 90 minuti da ct? Non è questo il problema»

di biagio italia
© foto www.imagephotoagency.it

Il pensiero di Luigi Di Biagio dopo il triplice fischio di Inghilterra-Italia

L’Italia, dopo essere andata sotto per merito di Vardy, ha riacciuffato il pareggio grazie ad un rigore trasformato da Lorenzo Insigne. Di Biagio ne ha parlato così al termine della gara di Wembley: «Siamo stati più continui all’interno della gara e abbiamo sbagliato di meno in fase di possesso. Ho cercato di insistere sulla voglia di giocare, sul non aver paura davanti agli 80mila presenti a Wembley. E quindi sono soddisfatto, come lo ero per il secondo tempo con l’Argentina. Poi è arrivato anche un risultato positivo e ci può aiutare ancora di più, ma lo sarebbe stato comunque».

Il commissario tecnico, quindi, aggiunge: «Dobbiamo crescere in personalità? No, secondo me, dobbiamo insistere: questi ragazzi la personalità ce l’hanno. E’ normale che, se non si vedono le giocate giuste, si parli di mancata personalità ma vi posso garantire che da questo punto di vista ci siamo. La personalità sta in Chiesa ed Insigne? Sì, ma soprattutto in una squadra che sull’1-0 ci ha sempre creduto e che sull’1-1 ha provato a vincere la gara. Nel secondo tempo soprattutto, poi, abbiamo fatto la gara in continuazione mentre l’Inghilterra si è basata molto sulle ripartenze. Abbiamo fatto un passo in avanti, sicuramente. I miei ultimi 90 minuti da ct dell’Italia? Non è questo il problema, andiamo sempre fuori tema: è la crescita dei ragazzi».