Inter, senti Di Maria: «Resterei al PSG, ma c’è un dubbio». Spalletti ansioso

di maria psg
© foto www.imagephotoagency.it

Di Maria chiude, ma solo a metà, all’Inter. L’esterno del PSG confessa di voler rimanere in Francia, ma non esclude la possibilità che sia il club a cederlo. Nel mentre Spalletti batte cassa e vuole garanzie certe

Si muove ancora parecchio a passo di lumaca il mercato dell’Inter, che desta qualche perplessità. Manca ancora il colpo atteso e promesso ai nerazzurri e qualcuno mugugna. Nelle ultime ore l’Inter ha dovuto incassare anche la semi-chiusura di Angel Di Maria, giocatore che era già stato allontanato dal consulente di mercato di Suning Walter Sabatini qualche giorno fa per motivazioni tattiche. In verità l’Inter continua a lavorare per l’esterno argentino del Paris Saint-Germain ed è anche vero che lo stesso giocatore, parlando nel corso di una intervista oggi a Le Parisien, non ha negato la possibilità che qualcosa possa comunque succedere. «Se resterò a Parigi in questa stagione? Io non ho assolutamente dubbi, voglio restare. Però non so come la pensa il club – ha affermato Di Maria – . La verità è che la mia famiglia sta bene a Parigi e pure io sono molto felice qui».

Ancora nessuna novità all’orizzonte comunque. Presumibilmente qualcosa potrebbe succedere dopo il primo agosto, quando l’Inter tornerà dalla tourneé di questi giorni…

Entrenamiento! ⚽️

A post shared by Ángel Di María (@angeldimariajm) on

Di Maria sì o no? Spalletti ora vuole chiarezza

L’immobilismo dell’Inter sul mercato ha suscitato più di qualche domanda anche nell’allenatore Luciano Spalletti che ieri, nel corso di un vertice con la dirigenza (leggi anche: Inter, summit di mercato: ecco di cosa si è parlato), ha fatto presente le proprie perplessità. Nello specifico i nerazzurri avevano promesso che il mercato sarebbe iniziato dopo il primo luglio, superati i paletti del Fair Play Finanziario. Adesso, riporta Tuttosport, il mercato dovrebbe iniziare dopo il primo agosto. Insomma, Spalletti avrebbe dubbi sulla capacità del club di mantenere le promesse ma, soprattutto, ha fretta di avere subito a disposizione nuovi innesti. Difficile comprendere anche le prossime mosse del vulcanico allenatore toscano. Di sicuro, come promesso, Spalletti non se ne resterà zitto.

Domani è prevista una cena tra il tecnico e il patron del club Zhang Jindong in Cina. A quel punto l’ex romanista dovrebbe battere cassa e chiedere alla società garanzie certe.