Connettiti con noi

Genoa News

Genoa, quanto serve Sandro: è lui l’equilibrio sopra la follia

Pubblicato

su

sandro

Genoa, quanto serve Sandro: l’ex centrocampista del Benevento uomo fondamentale per garantire maggior equilibrio ai rossoblù

Sono bastate due partite per capire pregi e difetti del nuovo Genoa. Una squadra che, a differenza dello scorso anno, può divertirsi e divertire. Perché diverse sono le caratteristiche dei nuovi arrivati rispetto ai giocatori che sono arrivati alla corte di Davide Ballardini. Certamente, rispetto al passato, il problema della tenuta difensiva è già sotto gli occhi di tutti: la partenza di Izzo, in direzione Torino, ha notevolmente indebolito un reparto che sta anche cambiando il modo di stare in campo. Con gli elementi presenti in rosa è più probabile che il futuro riservi lo schieramento a quattro. Romulo e Criscito possono serenamente fare i terzini classici, mentre con il rientro di Lisandro Lopez sarà più facile formare la coppia centrale con uno fra Biraschi e Zukanovic. Ma ciò che è più mancato al Genoa contro Empoli e Sassuolo è un uomo d’ordine. Uno come Sandro, appunto.

EQUILIBRIO – Già, perché l’ex centrocampista del Benevento è esattamente il vigile urbano della mediana di cui Ballardini ha bisogno come il pane. Corre, ma soprattutto detta i tempi della manovra. Contro l’Empoli è mancato uno così nella ripresa, quando i toscani hanno preso coraggio sfiorando addirittura il pareggio dopo l’ottimo primo tempo dei rossoblù. E anche contro il Sassuolo Sandro è mancato come il pane: nessun giocatore in rosa ha le sue caratteristiche, nessuno come lui riesce ad essere un efficace raccordo fra difesa e attacco. Ecco spiegata la sua importanza: Ballardini lo ha voluto fortemente per il suo Genoa e non appena lo avrà a disposizione, probabilmente, si vedrà il vero Grifone. E lo spettacolo non mancherà: con gente come Medeiros, Piatek, Kouamè e Lapadula (perché prima o poi verrà definitivamente riabilitato) il divertimento è assicurato. Con buona pace di una tenuta difensiva che, inevitabilmente, non sarà più quella di prima.