Inter-Benevento, Marotta: «Non è giusto squalificare uno stadio, le colpe non sono del calcio»

Inter-Benevento, Marotta: «Non è giusto squalificare uno stadio, le colpe non sono del calcio»
© foto www.imagephotoagency.it

L’ad sport dell’Inter, Beppe Marotta, ha commentato prima dell’inizio del match di Coppa Italia contro il Benevento, la chiusura di San Siro

Ai microfoni di Rai Sport, l’amministratore delegato dell’area sport dell’Inter, Beppe Marotta, è stato intervistato prima del fischio d’inizio della gara contro il Benevento. Nel corso dell’intervista, l’ex Juve ha risposto alla domanda relativa alla chiusura di San Siro questa sera come punizione dei fatti di Inter-Napoli del 26 dicembre. Ecco le sue parole: «Noi sappiamo che c’è un fattore ambientale inedito e quindi ci vorrà una motivazione supplementare, contro un avversario che non avrà niente da perdere. L’ulteriore difficoltà sarà questa. Il razzismo negli stadi? Le colpe non sono solo dello sport, ma è un problema della società civile. Ci vuole la collaborazione del governo e dei vari enti perché si crei cultura. L’Italia non è razzista, vanno deprecati questi fatti ma non è giusto squalificare uno stadio quando il 95% dei cittadini ha diritto ad assistere ad uno spettacolo importante».