Inter, ora Pedro. Nessuno vuole andar via

© foto www.imagephotoagency.it

In arrivo anche Imbula e Montoya: torna di moda Nani

Come avvenuto nella sua prima era, Roberto Mancini ha deciso di costruire una Inter XXL: il tecnico nerazzurro sta, infatti, attrezzando una squadra di grande fisicità per dare l’assalto allo scudetto. Alla lista potrebbe aggiungersi Giannelli Imbula, che Mancini ha chiamato dopo aver contattato l’intermediario Federico Pastorello: per il centrocampista è pronto un contratto quadriennale da 2 milioni di euro più bonus. A breve potrebbe lasciare il ritiro dell’Olympique Marsiglia per volare a Milano per sottoporsi alle visite mediche, poi lo aspetta la maglia numero 25.

GLI ASSALTI – Oggi, secondo La Gazzetta dello Sport, dovrebbe essere il giorno giusto anche per completare l’assalto a Martin Montoya: si chiuderà con il Barcellona per il prestito oneroso da 1 milione di euro, ma si sta trattando sul riscatto, perché l’Inter vorrebbe il diritto, mentre il club blaugrana spinge per l’obbligo a 7 milioni di euro. La liquidità non manca ai nerazzurri, che hanno pronti 18,95 milioni di euro. Ci sono, però, da sistemare altri giocatori: il Liverpool non è ancora arrivato ad offrire 30 milioni di euro per Mateo Kovacic, per questo si valuta la cessione di Xherdan Shaqiri. In bilico anche Juan Jesus e Fredy Guarin: il difensore piace allo Spartak Mosca, il centrocampista in Turchia. Mercoledì potrebbero arrivare novità sul fronte Stevan Jovetic, alternativa a Mohamed Salah e Perisic, ma l’Inter segue ancora Javier Hernandez e si torna a parlare di Pedro.

LA SPALLATA – Diversi nomi, infatti, sono tornati di moda: l’esterno offensivo del Barcellona, ma anche Nani e Aubameyang. La spallata di Pedro, che vuole cambiare aria nonostante il rinnovo perché ha paura di passare un altro anno in panchina, potrebbe aiutare l’Inter, sebbene interessi pure a Liverpool, Manchester City e Paris St Germain. Il suo valore si aggira sui 25-30 milioni di euro. Uscito dai radar, invece, Felipe Melo, che non ha raggiunto un’intesa con il Galatasaray. Qualche difficoltà in uscita per il direttore sportivo Piero Ausilio, secondo Tuttosport: nessuno ora vuole andarsene. Chi lo fa, invece, è Paolo Orlandoni, preparatore dei giovani nerazzurri, che è stato chiamato da Giuliano Terraneo e andrà al Fenerbahçe per lavorare nella prima squadra di Vitor Pereira.