Italia, domani il sorteggio playoff. Focus sulle avversarie

© foto www.imagephotoagency.it

L’Italia domani conoscerà l’avversaria da superare per qualificarsi ai mondiali in Russia nel 2018. Quali sono le formazioni da temere?

L’ultimo ostacolo verso i Mondiali. L’Italia del ct Ventura aspetta di conoscere l’avversaria nel playoff per l’accesso alla fase finale di Russia 2018. Il sorteggio è in programma domani, il 17 ottobre. Gli spareggi andranno in scena il 9-11 novembre (andata) e 12-14 novembre (ritorno). L’Italia, che ha chiuso il suo girone vincendo 1-0 in Albania, si è garantita un posto tra le 4 teste di serie con la Svizzera, la Danimarca e la Croazia.

IRLANDA
La squadra, formata da giocatori che militano prevalentemente in Premier League, è approdata ai playoff grazie al successo contro il Galles. Nei precedenti, l’Italia conta 8 vittorie, 3 pareggi e 3 sconfitte. Nell’ultima partita, giocata nella prima fase di Euro 2016, gli azzurri sono stati sconfitti 0-1. Squadra tosta, fisica e molto difficile da affrontare, allenata splendidamente da Martin O’Neill è sicuramente l’avversaria peggiore da pescare.

IRLANDA DEL NORD
Nonostante sia arrivata davanti a nazionali come Repubblica Ceca e Norvegia nel suo girone, sulla carta, l’Irlanda del Nord è l’avversaria più debole dal punto di vista qualitativo. Nei precedenti, l’Italia ha collezionato 6 vittorie, 2 pareggi e 1 sconfitta (ultima partita Italia-Irlanda del Nord 3-0, qualificazioni Euro 2012). Allenata dall’ “altro O’Neill” con l’ex Palermo Lafferty a guidare l’attacco, la formazione nord-irlandese prima di incontrare la Germania nell’ultima partita di qualificazione aveva subito solo 2 gol nelle precedenti nove, un dato che il ct Ventura non dovrà assolutamente sottovalutare.

SVEZIA
Orfana di Ibrahimovic, la nazionale scandinava ha sfiorato l’accesso diretto al Mondiale. Squadra fisica, guidata in difesa dal centrale del Manchester United Victor Lindelöf e in attacco da Marcus Berg, attaccante dell’Al-Ain. Precedenti: 11 vittorie, 6 pareggi, 6 sconfitte (ultima partita Italia-Svezia 1-0, gol di Eder, a Euro 2016). L’assenza di Ibracadrabra non sembra pesare più di tanto agli scandinavi, squadra che soprattutto in casa sa fare male.

GRECIA
Diversi giocatori greci giocano in Serie A o hanno militato nel nostro campionato in passato: Manolas, Torosidis, Papastathopoulos e Karnezis. Il maggior difetto di questa Nazionale? La fatica tremenda a fare gol. I precedenti sono favorevoli agli azzurri: 5 vittorie, 3 pareggi, 1 sconfitta (ultima partita Grecia-Italia 1-1, amichevole 2008).
La preferita per molti è la Grecia, vista anche l’assenza di Manolas, nonostante in attacco siano guidati da Mitroglu, attaccante del Marsiglia, che ha messo a segno 35 reti negli ultimi due campionati con la maglia del Benfica.