Juventus, Pjaca: da top player annunciato a possibile pedina di scambio

Juventus, Pjaca: da top player annunciato a possibile pedina di scambio
© foto www.imagephotoagency.it

Acquistato nel luglio 2016, Pjaca era considerato uno dei maggiori talenti in circolazione. Ora potrebbe essere pedina di scambio in estate

Quando la Juve acquistò Marko Pjaca nel luglio 2016, era convinta di aver acquistato un futuro top player. Le cifre dell’acquisto infatti erano infatti di quelle importanti per un giocatore della sua età: 23 milioni di euro e concorrenza dell’Inter battuta. Tutti quanti, dagli addetti ai lavori alla stampa alludevano a Pjaca come un giocatore dal grande futuro, una ragazzo dai numeri promettenti, da doti fisiche e tecniche di quelle importanti. In allenamento sorprende Allegri, mostrando personalità e rivelandosi una ottima soluzione offensiva per i bianconeri.

Ma ad ottobre subisce già il primo infortunio con una infiammazione alla testa del perone che lo terrà fuori dal campo per due mesi e mezzo. Pjaca però poco dopo il suo rientro sigla il primo gol in maglia bianconera, il 22 febbraio del 2017 nella vittoria per 2-0 dei bianconeri negli ottavi di Champions League contro il Porto. Ma ecco che la sfortuna perseguita ancora il gioiellino croato che il 30 marzo del 2017 durante una partita della Croazia contro l’Estonia subisce un altro grave infortunio rompendosi il legamento crociato anteriore e la parziale lesione del menisco del ginocchio destro, il che significa stagione finita. Al termine della sua prima stagione in bianconero, Pjaca colleziona 20 presenze totali e 1 gol.

Nella stagione successiva, Pjaca non riesce a trovare spazio se non qualche apparizione con la primavera, complice anche il lungo recupero dal grave infortunio subito in nazionale, e a Gennaio viene ceduto in prestito allo Schalke 04, dove colleziona 9 presenze e un gol. Rientrato dal prestito in Germania, Pjaca viene girato dalla Juve alla Fiorentina con la formula del prestito di 2 milioni con diritto di riscatto fissato a 20. Per Pjaca questa è un occasione da non perdere per rilanciarsi alla grande e lo dimostra anche la scelta della maglia numero 10 dei viola.

Le aspettative però non sono rispettate, il ragazzo disputa 19 presenze (venendo molto spesso sostituito, se non subentrato) realizzando appena una rete non convincendo mai del tutto il mister Stefano Pioli. A ciò va ad aggiungersi l’ennesimo brutto infortunio per il giocatore di Zagabria che riscontra la rottura del legamento crociato anteriore. Ennesima stagione finita in anticipo per infortunio per lui.

Adesso quali prospettive per il talento croato? Sembra abbastanza scontato che la Fiorentina non eserciterà il diritto di riscatto, vista anche la considerevole cifra che dovrebbe sborsare, e che Pjaca tornerà a Torino. Alla Juve però il suo ritorno sembra essere solo di passaggio, visto l’abbondanza che Allegri dispone nel reparto offensivo con giocatori del calibro di Douglas Costa, Bernardeschi, Cuadrado. Si aggiunga la fragilità del giocatore che a soli 23 anni ha già collezionato 3 gravi infortuni. La Juve sembra essere intenzionata a inserire il giocatore in eventuali operazioni di mercato la prossima estate. Una su tutte vede Pjaca diretto verso il Portogallo destinazione Benfica, operazione che vedrebbe l’approdo in bianconero di Ruben Dias. Dunque se nell’estate 2016 quello di Pjaca doveva essere un acquisto dalle grandi prospettive, oggi sembra essere solo un lontano ricordo, con il giocatore croato, complice anche la sfortuna che lo ha perseguitato con gli infortuni, che sembra destinato a lasciare l‘Italia la prossima stagione.