Leonardo: «Volevo tornare all’Inter. Gagliardini, che personalità»

leonardo Antalyaspor
© foto www.imagephotoagency.it

Le dichiarazioni dell’ex allenatore di Inter e Milan, Leonardo, che commenta così il suo passato in nerazzurro dopo l’esperienza col Milan

Intervistato quest’oggi dal Corriere dello Sport, Leonardo, ex allenatore di Inter e Milan, ha rilasciato queste dichiarazioni sul proprio passato in nerazzurro, ma non solo: «Appena Moratti mi ha chiamato, ho avvertito subito Galliani. Sono legato a lui, mi ha insegnato tantissimo. Sono grato al Milan, motivo per cui sono rimasto per 14 anni. Ma all’Inter sono andato per Moratti. Lo conosco da anni, dopo 6 mesi dall’addio al Milan mi chiama e gli dico: ‘Presidente, è uno scherzo?’. Ma a Massimo e alla sua famiglia non potevo dire no. Avrei poi voluto tornare, ma hanno fatto altre scelte.  Lo sceicco del PSG propone questa cosa, io dico di no. Poi torno a Milano, incontro il presidente Moratti, che mi dice “Leo hai perso un’opportunità unica, una cosa meravigliosa: hai fatto il dirigente, l’allenatore, ora ti propongono questo incarico. Ragiona bene, ragiona per te. Sappi che io non mi arrabbierò mai con te. Ho cambiato tanti allenatori, capisco la situazione». Infine, un commento su due giovani talenti italiani, Federico Bernardeschi e Roberto Gagliardini: «Bernardeschi in questi ultimi mesi ha trovato la sua dimensione, ha conquistato, anche facendo la guerra, i suoi spazi per giocare con un po’ più di libertà. Ora arriva facilmente all’assist e sta guadagnando tanto spazio. Gagliardini? Mi ha fatto davvero impressione. E’ passato dall’Atalanta all’Inter come se niente fosse. Ha personalità, stile e modo di giocare».