Connettiti con noi

Calcio Estero

Lukaku sul razzismo: «Non combatto per me stesso. Basta uccidere il calcio»

Pubblicato

su

Lukaku

In un intervento alla CNN, Romelu Lukaku è tornato a parlare del tema razzismo nel mondo del calcio

Romelu Lukaku è da sempre in prima linea nella lotta al razzismo nel mondo del calcio e non solo. E l’ex attaccante dell’Inter è tornato a parlarne in una intervista alla CNN.

COMBATTERE – «Devo combattere. Perché non sto combattendo solo per me stesso. Sto combattendo per mio figlio, per i miei futuri figli, per mio fratello, per tutti gli altri giocatori e i loro figli, per tutti. I capitani di ogni squadra e quattro o cinque giocatori, come le grandi personalità di ogni squadra, dovrebbero avere un incontro con i CEO di Instagram, i governi e la FA e la PFA, e dovremmo semplicemente sederci attorno al tavolo e avere un grande incontro al riguardo. Penso che solo noi tutti insieme e solo un grande incontro e una conferenza e solo parlare di cose che devono essere affrontate per proteggere i giocatori, ma anche per proteggere i fan e i giocatori più giovani che vogliono diventare calciatori professionistiAlla fine della giornata, il calcio dovrebbe essere un gioco divertente. Non puoi uccidere il gioco con la discriminazione». 

LEGGI LE DICHIARAZIONI COMPLETE SU INTERNEWS24