Malagò commissario Figc? «Non è mio interesse propormi»

tavecchio malagò
© foto www.imagephotoagency.it

Malagò, numero uno del Coni, interviene alla vigilia della Giunta per parlare dell’ipotesi di un commissario della FIGC in attesa di elezioni

All’indomani della mancata qualificazione dell’Italia al Mondiale e anche nelle scorse ore, l’ipotesi del commissariamento della Federcalcio era un’ipotesi piuttosto in voga. Non sarà così: probabilmente non ci sarà un commissario per la Figc e a traghettare la Federazione verso le nuove elezioni, entro il 20 febbraio, sarà il dimissionario Carlo Tavecchio. L’attuale reggente e commissario di Lega proseguirà l’ordinaria amministrazione del suo mandato fino alle nuove elezioni. Questa mattina, infatti, Giovanni Malagò, numero uno del Coni, ha chiuso ufficialmente la porta all’ipotesi di un commissario per la FIGC.

Queste le parole’ del numero uno del Coni a margine degli Stati Generali dello Sport in corso nel Salone d’Onore del Comitato olimpico nazionale italiano, al Foro italico: «In genere è successo a più riprese che la Figc sia stata commissariata con dei rappresentanti del Coni, ma in questo caso non è mio interesse o volontà propormi in quel ruolo. Ho un’agenda che mi impedisce di farlo, tra poche settimane ci sono le Olimpiadi in Corea che mi porteranno a stare quasi tutto febbraio lì. Mi sembrerebbe non serio prendermi in considerazione. Ci sono gli uffici legali che stanno lavorando, c’è una giunta del Coni per domani pomeriggio. Non c’è alcuna volontà di prevaricare i propri ruoli».