Milan, Goldman Sachs dice no: contatti con Merrill Lynch per rifinanziare il debito

han li yonghong li fassone milan
© foto www.imagephotoagency.it

Problemi per mister Yonghong Lì e il Milan. I rossoneri hanno intavolato contatti con un’altra banca d’affari, cioè Bofa Merrill Lynch, per rifinanziare il debito con il Fondo Elliott

Brutte notizie per il Milan. Confermate le indiscrezioni dei giorni scorsi: Goldman Sachs non aiuterà mister Yonghong per rifinanziare il debito da 303 milioni di euro più interessi con il Fondo Elliott. Il presidente del Milan non otterrà il rifinanziamento da Goldman Sachs perché non esistono in Cina garanzie sufficienti per il debito di Mister Lì. Secondo “Il Sole 24 Ore“, il proprietario rossonero ha un piano B e ha deciso di affidarsi a un’altra banca d’affari, cioè Bofa Merril Lynch.

Al lavoro c’è l’avvocato RiccardoAgostinelli, dello studio Gattai Minoli Agostinelli, esperto di rifinanziamenti alle squadre di calcio (ha lavorato in passato anche con Inter e Roma). Nei mesi scorsi erano state intavolate trattative parallele con due banche americane, cioè Goldman Sachs e Merrill Lynch e fin dall’inizio l’operazione con la seconda banca era apparsa la più praticabile. Il Milan si sta muovendo proprio in questa direzione. Il Milan dovrà creare una newco nella quale far confluire tutte le attività che generano diritti che finirà in pegno alla banca finanziatrice mentre Merril dovrebbe emettere dei bond. Al momento però non esiste certezza. Yonghong Lì ha un’unica soluzione: rifinanziare il debito ma sarà molto complicato.