Mihajlovic, dalla scoperta Donnarumma alla certezza Sirigu

Iscriviti
Sirigu
© foto www.imagephotoagency.it

Sinisa Mihajlovic a metà in Torino-Milan, tra la soddisfazione per Sirigu e la rassegnazione verso Donnarumma

Ogni volta che Sinisa Mihajlovic incontra sulla sua strada Gianluigi Donnarumma, capisce che la giornata non sarà delle migliori. Sebbene il tecnico serbo si possa tranquillamente prendere il merito di aver lanciato il portiere del Milan a soli 16 anni, è anche vero che l’estremo difensore rossonero lo fa penare da quando lo incontra sulla sua strada da avversario. Anche Milan-Torino di ieri – conclusasi a “San Siro” sullo 0-0 – non ha visto un copione differente, con Gigio protagonista a bloccare le ripartenze granata: «Come ho visto Gigio? Meno bambinone e sempre alto, parla di più con gli arbitri. Spero di non incontrarlo mai più…», ha detto Mihajlovic a fine gara.

STELLINA E GIOCATORE RITROVATO – D’altra parte, però, il Toro deve ringraziare Salvatore Sirigu. L’ormai ex PSG – reduce da un anno di vagabondaggio in Liga tra Siviglia e Osasuna – è tornato in Italia per ritrovare continuità ed effettivamente sta facendo bene tra i pali della porta granata. Come riporta “La Gazzetta dello Sport”, lo stesso portiere ha confermato che non è stato facile fermare gli attacchi rossoneri: «La parata su Kalinic? Da così vicino bisogna avere una reazione immediata e l’ho avuto: è l’intervento più bello. Sono contento di come è andata la partita. Abbiamo messo in difficoltà il Milan, che è in crescita come noi e ha qualità».